Varese

Parcheggio a pagamento, muro di Pdl e Lega per mantenerlo

Non c’è dubbio che i parcheggi a pagamento creino problemi nella maggioranza di centro-destra, Pdl e Lega Nord, che li ha introdotti (di sera e all’ora di pranzo) nel mese di aprile. E’ talmente evidente che, ieri sera, al Consiglio comunale di Varese, si cerca ad ogni costo, e fino all’ultimo, di fare slittare la questione e di non esprimersi chiaramente con un voto. All’ordine del giorno la mozione dei Pd Mirabelli e Civati che dice no ai parcheggi a pagamento serali.

Dopo che la giunta, con il vicesindaco Baroni, interviene per ribadire il parcheggio a pagamento (“la giunta ritiene di mantenere questo provvedimento”), interviene il capogruppo Pdl, Ciro Grassia. Grassia si alza, sistema il microfono e chiede ai consiglieri Pd di ritirare la mozione. Perchè? Perchè i dati sui ritorni dei parcheggi, richiesti dal Pdl Cosentino, uno di quelli che si è sempre mostrato contrario alla misura, sono arrivati soltanto ieri. “Abbiamo pensato – dice Grassia – che il provvedimento sul parcheggio serale possa essere valutato più seriamente in una Commissione congiunta alla luce dei dati”. Gli fa eco il Pdl Giampaolo, che dice che è opportuno ripensare alla faccenda in Commissione facendo “un’analisi seria”.

Posizioni diversificate nella maggioranza, tra Pdl e Lega. Quanto al Carroccio, interviene il consigliere leghista Emanuele Monti che non propone di cancellare il pagamento, ma di utilizzare gli introiti “in favore dei giovani”, come se l’euro da pagare di sera fosse, parole di Monti, “una tassa di scopo”. Poi parla anche Giulio Moroni, capogruppo leghista, che invece appare più dubbioso sul mantenimento: “Alla luce dei dati analizzati in Commissione magari si potrà rivedere la posizione”.

Negli interventi di diversi esponenti delle opposizioni si sottolinea anche un paradosso: che mentre chi parcheggia correttamente negli spazi blu, paga, chi invece fa “sosta selvaggia” non paga nulla. “Tolleranza-zero da parte del Pdl”, ribadisce Giampaolo. Interviene anche il capogruppo Udc, Ennio Imperatore, che saggiamente si chiede, considerate entrate di circa 8000 euro l’anno, se valga la pena mantenere questa tariffa, neppure buona a fare cassa.

“No, non ritiriamo questa mozione – risponde al termine del confronto il capogruppo Pd Mirabelli -. C’è stata grande incoerenza del Pdl, e avendo depositato la mia mozione il 3 aprile, c’era tempo per chiedere i dati ad Avt, senza arrivare all’ultimo momento. Continuiamo a pensare che sia un odioso balzello”.

Si va dunque al voto. Il Consiglio boccia la mozione contro il parcheggio serale con 19 contrari alla mozione Pd, 11 favorevoli e solo 1 astenuto. Dunque i varesini continueranno a pagare i parcheggi serali. Ma al termine del Consiglio, in  corridoio, un assessore Pdl riassumendo efficacemente la questione, e parlando del suo partito, se non dell’intera maggioranza, commenta: ”Cerchiamo di uscirne, ma in maniera dignitosa”.

21 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Parcheggio a pagamento, muro di Pdl e Lega per mantenerlo

  1. massimiliano il 21 settembre 2012, ore 09:41

    Peccato che i suddetti consiglieri che hanno votato contro hanno il pass per parcheggiare senza pagare….Bella democrazia!!

  2. umberto il 21 settembre 2012, ore 10:56

    8000 euro all’anno? Questa Giunta è davvero alla frutta se deve ricorrere all’accattonaggio per raschiare una somma modesta come questa dalle tasche dei cittadini! Ma ce ne ricorderemo.

Rispondi