Varese

AgriVarese ai Giardini, l’allarme del botanico Zanzi

Il botanico Daniele Zanzi

Proprio non gli va giù, l’idea di riportare AgriVarese nella location dei Giardini Estensi- E lancia un allarme, Daniele Zanzi, autorevole botanico oltre che presidente della Commissione del Paesaggio del Comune di Varese. Le sue perplessità non le manda a dire, come è nel suo carattere, ruvido e generoso.

Chiaro il suo pensiero a proposito di AgriVarese e dei rischi che comporta. “Stiamo parlando di un parco storico del Settecento in cui arriverà, secondo le previsioni, un carico di trentamila visitatori. Un carico impressionante, che cala all’improvviso su un delicato equilibrio naturale come può essere un parco come i Giardini Estensi – spiega il botanico varesino -. Le sofferenze prodotte sul verde e sulle piante non si vedono immediatamente, ma si mostrano nel tempo, si producono nel tempo”. Zanzi non concorda neppure sulla “filosofia” dell’iniziativa: “Si finisce per mostrare un’agricoltura che non corrisponde alla realtà delle cose: le mucche finte, animali in vetrina. Insomma, si mostra un’agricoltura un po’ bucolica”.

Le considerazioni e l’allarme di Zanzi nascono da solide ragioni storiche e culturali. “La manifestazione si svolgerà in uno dei maggiori esempi italiani di giardino francese settecentesco (e non giardino all’italiana, come spesso si dice nei cartelli sbagliando), quindi un luogo con una valenza storica notevolissima. Chi può pensare di portare animali sul parterre? Significa anche dare un pessimo segnale culturale. A Roma non lo si farebbe al Colosseo o ai Fori Imperiali. Non ci si penserebbe neppure per un attimo”.

Una location sbagliata, insomma, per AgriVarese, secondo Daniele Zanzi. Tanto più che ci sarebbero tante altre location ben più indolori. Come accadeva in passato, molti anni fa, quando la fiera agricola di Varese era allestita dalla Società Orticola Varesina nel piazzale davanti alla Stazione dello Stato, con gli animali esposti dove oggi c’è piazzale Kennedy. “Ci sarebbero tante alternative più adatte e meno pericolose per il verde varesino”.

 

20 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti a “AgriVarese ai Giardini, l’allarme del botanico Zanzi

  1. ombretta diaferia il 20 settembre 2012, ore 11:13

    come sempre interessante e colto l’intervento di Daniele Zanzi.
    ma negli anni le cose cambiano: il bestiame è un gioco da zoo, gli scempi ambientali si accettano in nome di un’idea di progresso (perché poi non arriva mai) e pensi io che usavo le seghe per preparare la legna per l’inverno, non riesco più ad ascoltarne il suono… perché le piante che voi politici continuate a “capitozzare” (mi scusi se le rubo la sua espressione), lanciano grida che coprono ogni altro rumore…
    cosa vuole, dottor Zanzi, per costruire all’ippodromo (che mi sembrava una sede appropriata) ci si deve spostare in quello che gli assessori nei giorni scorsi si sperticavano a dichiarare “il cuore verde della città”.
    la confusione regna sovrana…
    siam certi solo delle polemiche…

  2. ester il 20 settembre 2012, ore 21:16

    Ma è evidente che Agrivarese è una manifestazione sbagliata x i motivi detti nell’articolo,però bisognava parlarne prima e cercare di impedirne la realzzazione. Lega ambiente o altre associazioni similari o anche tardive critiche a che servono?AnnaBiasoli

  3. Daniele Zanzi il 21 settembre 2012, ore 07:50

    E’ talmente evidente che la location di Agri varese sia sbagliata e fuori luogo che molti sembrano ancora non averlo capito! In verità le mie prese di posizione contro tale improprio uso del nostro più significativo giardino risalgono al primo anno -2010 -in cui ,non so bene per quale motivo – si decise di spostare AGri Varese da Malpensa Fiere ( posto orrendo e inadeguato) agli Estensi.
    Non ho alcun intento polemico; constato amaramente solo da tecnico, se interpellato, i guai e le incongruità che un tale evento può provocare.
    Ad altri le possibilità di intervenire per contestare la location. Di mio ho già messo più di una volta la faccia e le mie energie.
    Perchè se molti sono contrari non si fanno sentire?: chi mai ,anche con spirito costruttivo -ha fatto sentire pubblicamente il proprio dissenso?
    Per onestà è da rilevare che l’unica voce pubblica e manifesta contro AgriVarese agli Estensi è giunta da un componente della Giunta, l’assessore alla Tutela Ambientale Stefano Clerici che ,per questo. è stato pubblicamente massacrato dai suoi stessi solidali di coalizione senza che nessuno – opposizioni comprese ( ma dove sono mai? )- dicesse qualcosa.

  4. Bruno Belli il 21 settembre 2012, ore 10:35

    Il dottor Zanzi – da persona intelligente ed onesta intelletualmente – rileva, in fondo al Suo post, con poche parole, un reale e grave problema varesino (oltre, ovviamente a quello della “location” assurda).
    Egli scrive: “opposizioni comprese: ma dove sono mai?”
    Come pesa, nel suo crudo realismo quel “ma dove sono ma’i”.!!!

  5. Daniele Zanzi “licenziato” dal Comune | Il blog di Luisa Oprandi il 2 ottobre 2012, ore 09:28

    [...] comunale, come il parcheggio sotto il parco di Villa Augusta o le critiche alla manifestazione AgriVarese realizzata ai Giardini Estensi. Un brutto atto da parte della giunta, che toglie alla città l’impegno di una persona seria, [...]

Rispondi