Varese

Più sicurezza al Sasso del Ferro

Funicolare per il Sasso del Ferro

Questa mattina si è svolta, presieduta dal Prefetto Giorgio Zanzi, una riunione a cui hanno partecipato sindaci e amministratori dei Comuni di Laveno Mombello, Cittiglio, Castelveccana, il presidente della Comunità Montana Valli del Verbano, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, i rappresentanti della Provincia di Varese, il responsabile del Servizio Unico Emergenza 118 e del Soccorso Alpino, al fine di esaminare i possibili interventi per prevenire eventuali incidenti ad escursionisti che percorrono i sentieri del Massiccio del Sasso del Ferro e, talvolta, mostrano comportamenti imprudenti.

Una località, il Massiccio del Sasso del Ferro, dove si registra, soprattutto nei periodi primaverili ed estivi, la presenza di oltre 60.000 escursionisti, in particolare turisti, agevolati nell’ascesa anche dal funzionamento della funivia con partenza dal territorio del Comune di Laveno Mombello.

Nel corso dell’incontro è stata condivisa l’opportunità di azioni per garantire la manutenzione dei principali percorsi, per i quali si è considerata la possibilità di un progressivo miglioramento della segnaletica, assicurandone anche l’uniformità cromatica con l’apposizione di cartelli numerati che agevolino l’individuazione dei luoghi ove effettuare gli eventuali interventi di soccorso richiesti da persone in difficoltà.

Per migliorare la conoscenza dei percorsi verranno predisposte cartine topografiche dirette ai turisti, ove saranno classificati i vari tracciati presenti secondo i rispettivi livelli di difficoltà e saranno anche evidenziati con chiarezza i punti di maggiore criticità. In tale quadro si procederà anche all’individuazione di tracciati consigliati agli escursionisti e sui quali verranno assicurati interventi di manutenzione.

E’ stata anche valutata la possibilità, per i casi in cui si ritenesse necessario, che i sindaci interessati adottino apposite ordinanze per la disciplina dell’utilizzo delle strade agro-silvo-pastorali. Inoltre, al fine di razionalizzare le operazioni di soccorso, la Comunità Montana Valli del Verbano – in collaborazione con i sindaci, Provincia e altri organi del soccorso - ha manifestato la disponibilità ad elaborare specifiche pianificazioni individuando percorsi preferenziali per gli interventi di terra.

18 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi