Varese

“L’arte del movimento” al nuovo spazio dell’ex seminario

Da sinistra, Silvia Gandini, Sara Malpetti, Andrea Sessa

Dopo la nascita del Museo Tattile alla Stecca di Villa Baragiola, l’attività espositiva ha segnato una battuta d’arresto. Difficile potere concepire una mostra d’arte nel piccolo spazio lasciato libero dal museo. Da parte di Comune e Civici Musei (la villa rientra in questo circuito) si è sperimentata una nuova soluzione: rendere i 150 metri quadrati circa al pianterreno dell’ex seminario di Masnago uno spazio espositivo aperto ai giovani artisti di Varese. E il primo esperimento è apparso ben riuscito: sabato scorso taglio del nastro della prima mostra ospitata nel nuovo spazio, con il titolo “L’arte del movimento” (aperta fino al30 settembra).

Una mostra singolare, che è nata dalla collaborazione tra quattro giovanissimi artisti, ognuno versato in un’arte diversa. A Villa Baragiola sono infatti esposti gli “scatti” fotografici di Andrea Sessa, i quadri di Silvia Gandini, i racconti di Sara Malpetti, con un accompagnamento musicale “live” a cura di Federico Gandini. A fianco dei quattro artisti, sabato scorso sono intervenuti anche il sindaco di Varese, Attilio Fontana, e l’assessore alla Cultura del Comune, Simone Longhini, il conservatore del Castello di Masnago, Daniele Cassinelli. Clamoroso il pubblico: un folto pubblico di under-30 che ha seguito con interesse la presentazione degli artisti, visitato la mostra, ascoltato con curiosità il reading della Malpetti, accompagnata dal musicista che, alle tastiere, ha eseguito melodie di un giovane compositore presente in sala, Simone Petrucci. La presenza di questo pubblico è già una notizia che merita di essere registrata.

La mostra è decisamente insolita. Il movimento fa da collante tra gli artisti: tra le immagini dinamiche, perloppiù dedicate allo sport, firmate dal giovane Andrea Sessa; le tele di Silvia Gandini, assai diversificate, capaci di oscillare tra autoritratti, quadri astratti, paesaggi; le poesie di Sara Malpetti, capace di interpretare con estro i suoi versi. Ci sono rapporti e sinergie tra quadri, foto e poesie, ma possono anche mancare, possono seguire percorsi paralleli ed autonomi. A dimostrare che i linguaggi possono dialogare, ma possono anche esprimere mondi diversi e lontani.

L’arte del movimento

15- 30 settembre 2012

Villa Baragiola, via Caracciolo, 46, Varese

da martedì a venerdì: ore 15.00 – 18.00

sabato e domenica: 15.30 – 18.30

ingresso gratuito

 

Per informazioni: 3493333011

 

17 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a ““L’arte del movimento” al nuovo spazio dell’ex seminario

  1. astratto.net il 3 febbraio 2013, ore 09:31

    [...] “L’arte del movimento” al nuovo spazio dell’ex seminario – Varese … [...]

  2. quadri astratti paesaggi il 3 febbraio 2013, ore 09:31

    [...] “L’arte del movimento” al nuovo spazio dell’ex seminario – Varese … [...]

Rispondi