Regione

Pedemontana, Soresina lascia e il Pd lancia l’allarme

Su Pedemontana è scontro. Il Pd commenta le dimissioni dell’ad di Pedemiontana, Bruno Soresina. Prende la parola il consigliere regionale del Pd, il varesino Stefano Tosi. “Apprendiamo con grande preoccupazione delle dimissioni dell’amministratore delegato di Pedemontana Bruno Soresina: non vorremmo che fossero fondate le voci che vedrebbero nella difficile situazione finanziaria il reale motivo della sua decisione”.

Il consigliere Pd ricorda come l’ incognita fondi abbia un peso notevole sul proseguimento dei lavori. “Da tempo – spiega Tosi – si è posto il problema di recuperare i 3 miliardi di euro da parte di investitori privati sugli oltre i 4 di costo dell’opera. Non dimentichiamo che la parte più consistente e determinante per l’avvio dell’opera è stata stanziata dal governo Prodi. Da allora più nulla è stato fatto dal governo Berlusconi”.

“In questa chiave – continua Stefano Tosi – il riordino degli asset societari in mano al pubblico (Provincia di Milano in primo luogo) devono essere finalizzati a garantire il reperimento dei fondi per la realizzazione delle opere e non prestarsi ad operazioni di ingegneria finanziaria”. Il consigliere Tosi chiede pertanto che “l’assessore Cattaneo venga a riferire al più presto in Commissione territorio in merito ai risvolti che questa decisione avrà all’interno del consiglio d’amministrazione della società e se ci saranno ripercussioni per la prosecuzione dei lavori dell’infrastruttura autostradale più importante che l’Italia ricordi”.

11 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi