Varese

Don Gino Rigoldi si racconta all’Oratorio San Vittore

Don Gino Rigoldi

In un mondo che considera l’universo giovanile una compagnia di giro popolata da videogiochi, facebook e happy hours, c’è qualcuno che sui giovani scommette. Lo fa da sempre, anche con quelli che più di una volta nel loro cammino hanno inciampato e sono caduti a terra.

Don Gino Rigoldi non ha mai negato a nessuno una seconda chance. La sua “Comunità Nuova” ha aiutato lungo la strada migliaia di ragazzi alle prese con problemi di ogni tipo. Ma lo ha fatto poggiandosi sulle spalle solide ed entusiaste di altri ragazzi, quelli che si sono sperimentati nel volontariato, nella solidarietà, nella condivisione.

Difficile dire chi ne ha ricavato di più. Cosa si impara gettandosi nella mischia? Quali sono i rischi e quali i risultati che se ne ricavano? La grande esperienza di don Gino Rigoldi (padre spirituale di Jovanotti) sarà a disposizione di tutti, giovani e meno giovani, per l’incontro aperto “come aiutarti aiutando”, condotto dal giornalista Andrea Giacometti, direttore del quotidiano on line Varesereport, presso l’Oratorio San Vittore di via San Francesco d’Assisi a Varese, alle 21 di venerdì 14 settembre, nell’ambito delle iniziative del Torneo di Paletto Memorial Daniel Malinverno.

La comunità di don Gino sostiene tanti progetti nelle scuole, a favore della prevenzione e informazione sulle droghe, e anche per quanto riguarda lo sport, come veicolo di benessere sociale e prevenzione al disagio giovanile; inoltre ha istituito da alcuni anni borse di studio per studenti meritevoli e provenienti da famiglie disagiate.

Il primo incarico di don Gino fu al De Filippi di Varese, dal 1967 al 1971, e qui che ha iniziato la sua opera di cura nei confronti dei giovani in difficoltà.

11 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi