Mantova

A Festivaletteratura la scienza si spiega alla lavagna

Gian Francesco Giudice spiega alla lavagna il tema in programma

Grandi problemi scientifici, parole a volte astruse, concetti apparentemente inarrivabili. Uno degli appuntamenti più apprezzati dal popolo dei lettori a Festivaletteratura di Mantova è quello dal titolo semplice ed efficace: “Lavagne”. Quest’anno, la rassegna che si svolge in piazza Mantegna ha continuato a radunare tanti curiosi seduti sulla gradinata della piazza. Ma si è fatta in tre: oltre alle spiegazioni di problemi scientifici per sola voce e lavagna, ci sono state anche serate di scrittura e ascolto, e le “parole per leggere l’economia”.

Ieri a Mantova, nell’ambito di “Problemi di scienza all’aria aperta”, piazza gremita per ascoltare una chiacchierata su un tema che è stato spiegato dal professor Gian Francesco Giudice, fisico italiano impegnato al Cern di Ginevra: “Rottura di simmetria e campo di Higgs”, insomma un momento per approfondire il famoso bosone di Higgs, concetto approdato anche in prima pagina e nelle trasmissioni tv più popolari.

Una bella scommessa, quella del festival mantovano, che da anni dimostra come la scienza sia un tema di grande interesse, capace di attirare pubblico e attenzione. Un fatto importante, tanto più se accade, come al Festivaletteratura, in un contesto in cui si parla di libri e di scrittori.

9 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi