Varese

Wojtyla chiude la rassegna “Tra Sacro e Sacromonte”

Karol Wojtyla

Si chiude la stagione teatrale “Tra Sacro e Sacromonte” con l’ultimo spettacolo, previsto per il 7 settembre, alle ore 21, presso la Basilica di San Vittore. Una stagione, quella diretta da Andrea Chiodi, certamente coraggiosa, sia per quanto riguarda i testi, che per quanto riguarda i giovani autori proposti a Varese.

Quanto ai risultati, invece, si è trattato di una rassegna diseguale, con esiti non tutti ugualmente convincenti, con spettacoli più riusciti e altri meno, come nel caso di “Anima Errante” di Roberto Cavosi. Tuttavia qualche dubbio su alcune rappresentazioni non significa che queste ultime siano state banali o di scarsa qualità teatrale.

Dopo le performance del mese di luglio, proposte alla Terrazza del Mosè del Sacro Monte, la rassegna chiude i battenti in città con il sesto spettacolo, che vede protagonista la Compagnia Cantiere Centrale che porterà in scena, in San Vittore, il testo di Karol Wojtyla “La bottega dell’orefice”. Un testo intenso che non ha perso fascino nel corso dei decenni, uno spettacolo sempre attuale che saluterà il pubblico del festival e darà appuntamento al 2013 per una stagione ancora piú ricca.

“La bottega dell’orefice” è l’unica pubblicazione a carattere drammatico di Karol Wojtyla prima di essere eletto Papa. Il testo apparve nel numero di dicembre 1960 del mensile di Cracovia Znak, sotto lo pseudonimo Andrezej Jawien, usato spesso dall’autore.

 E’ la storia di due coppie, di due matrimoni, di due amori, che si agitano sullo sfondo della seconda guerra mondiale e degli scempi nazisti. Ma “La bottega dell’orefice” è soprattutto un’intensa metafora delle nozze, unione eterna e indissolubile, che vince la fragilità dei sentimenti umani. Wojtyla la scrive in quegli anni, in cui era attivamente impegnato nel teatro Rapsodico di Cracovia, che nonostante l’occupazione tedesco della Polonia, continuava a tenere rappresentazioni clandestine in case private.

 

5 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi