Sport

Galli: fare entrare Varese nell’Olimpo dello sport

La presentazione del Challenge di Sesto Calende

Prima edizione del Ticino Golf Challenge, una gara che si svolgerà l’8 e il 9 settembre a Sesto Calende. Sei tra i principali Circoli golfistici dell’area del Ticino si sfidano colpendo tre “green” che sono collocati a distanze diverse sul fiume Ticino, partendo da una piattaforma realizzata nella Piazza Centrale di Sesto. Una gara singolare, che vedrà anche la partecipazione di quattro golfisti professionisti, lanciata nella sede dell’Agenzia del Turismo della Provincia di Varese.

Una competizione sportiva importante, che certamente incuriosirà anche chi non è addetto ai lavori. Ma che si pone come una tessera in un disegno più ampio, in una vera e propria strategia della Priovincia in campo sportivo-promozionale-turistico, rivelata dal presidente leghista Dario Galli proprio agli ultimi istanti della conferenza stampa di oggi. “Così come stiamo facendo per quanto riguarda il canottaggio, di cui si disputeranno tra poco gli Europei, anche per il golf puntiamo a fare entrare Varese nell’Olimpo dello sport – dice Galli -. Il nostro obiettivo è quello di rendere Varese sede fissa per grandi eventi sportivi che ci portino pubblico”.

Una strategia che, passo dopo passo, la Provincia sta perseguendo. E’ ancora Galli a sottolineare come Varese sia interessata ad eventi “di qualità, non invasivi”. Un obiettivo che, sottolinea Paola Della Chiesa, direttore dell’Agenzia del Turismo, può essere raggiunto grazie alla capacità di “fare sistema tra istituzioni e privati”. E’ il caso anche di questo Challenge di Sesto Calende, che tra l’altro estenmde il concetto di “fare squadra”, estendendo il progetto a due Province (Varese e Novara) e dunque a due Regioni.

Dice il sindaco di Sesto Calende, il leghista Marco Colombo, che “sì questo evento è risultato della capacità di fare squadra, anche se c’è chi ci mette il bastone tra le ruote”. A chi si riferisce? Alla Camera di Commercio di Varese. “Se il cardinale Martini diceva che la Chiesa è indietro di 200 anni, la Camera di commercio, tagliando i finanziamenti all’Agenzia del Turismo, ci porta indietro di almeno dieci anni”. Per il vicepresidente della Provincia di Novara e assessore al Turismo, Luca Bona, anche lui lumbard, “è una manifestazione, questo Challenge, collegato al nostro territorio, e per territorio mi riferisco proprio a Novara, al VCO, a Varese, con il Ticino che fa da cerniera tra queste aree”.

A richiamare i caratteri fondamentali  della gara è Enzo Giuliani (Golf dei Laghi), per il quale “obiettivo della competizione è quello di fare conoscere a tutti il golf, partendo dalla convinzione che chiunque metta piede sul green, immediatamente se ne innamora”. Una gara importante, secondo gli organizzatori Teo Ferri e Flavio Vineis, che in due giorni metterà in campo neofiti, professionisti, semplici curiosi. Un esercito pronto a seguire le palline che centreranno l’obiettivo e quelle che finiranno nel fiume. Ma niente paura: queste ultime saranno prontamente recuperate. “Una gara davvero green”, commenta la Della Chiesa.

 

 

 

3 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi