Venezia

Al “Citizen Rosi” assegnato il Leone alla carriera

Citizen Rosi

Leone d’Oro alla carriera per il regista Francesco Rosi, 90 anni a novembre. In piedi sul placo a Venezia, commosso, mentre assiste ad una lunga standing ovation da parte del pubblico. Tutti in piedi ad applaudire il maestro. Emozionato dice: “Grazie, la mia vita è stata dedicata al cinema e oggi sono felicissimo di questo premio”.

Grandi pellicole di forte impegno civile sono quelle che accompagnano la vita del regista: per questo gli americani lo hanno chiamato “Citizen Rosi”. Tante le opere di Rosi, da “Salvatore Giuliano” al durissimo ed attuale “Le mani sulla città”. E poi, ancora, gli indimenticabili “Uomini contro”, “La tregua”. In occasione del premio, è stato riproposto il film “Il caso Mattei” con uno straordinario Gian Maria Volonté.

Scrive in un messaggio il presidente Giorgio Napolitano: “La sua cinematografia ha segnato una parte importante della Storia del nostro Paese”.

1 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi