Politica

Il Carroccio sogna un referendum anti-euro

Il segretario Roberto Maroni

Forse è una boutade ferragostana, o forse no, ma il segretario della Lega Nord, Roberto Maroni, ha deciso che il cavallo di battaglia del suo partito sarà un referendum anti-euro.

Lo ha detto a chiare lettere in un’intervista al quotidiano “La Repubblica”, dalle cui pagine  lancia una proposta “non isolata” e ipotizza un tour europeo per incontrare gli altri leader euro-scettici. Dice Maroni: “Presenteremo a fine agosto in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare per abbinare  alle politiche del 2013 un referendum consultivo nel quale i cittadini  italiani possono esprimersi sull’euro. Voglio raccogliere milioni di  firme”.

Obiettivo del Carroccio è quello di organizzare un analogo referendum “in tutti i  Paesi membri prima delle elezioni europee del 2014″.

Ma la scelta del referendum no-euro sta in uno scenario “neo-europeista” che sostituisca l’attuale sistema “clamorosamente fallito”, secondo Maroni. Il quale dichiara al quotidiano: “Stiamo andando verso uno Stato unico  che ha tutte le caratteristiche del Leviatano di Hobbes”.

 

15 agosto 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Il Carroccio sogna un referendum anti-euro

  1. Grinch il 16 agosto 2012, ore 22:49

    Penoso, semplicemente penoso.

  2. adriana il 19 agosto 2012, ore 18:13

    non ci è stato mai concesso sono favorevole

Rispondi