Varese

Caso Bacchetta, Nicoletti: e gli altri alluvionati?

Alluvione varesina del 2009

Alessio Nicoletti, leader di Movimento Libero e Consigliere comunale di Varese, ha depositato oggi a Palazzo Estense un’interrogazione urgente per sapere se, come e quando Regione Lombardia intenda stanziare fondi a favore degli altri varesini danneggiati dall’alluvione del 15 luglio 2009.

“Apprendiamo con piacere che Regione Lombardia ha stanziato, con delibera di Giunta del 06 Agosto 2012, 100.000 euro a favore di Alexandra Bacchetta, la cui attività aveva subito gravi danni dal disastroso alluvione del 15 Luglio 2009″.

Continua il leader di Movimento Libero: “Ci auguriamo, però, che quanto prima Regione Lombardia sappia dare le stesse risposte concrete anche ai tanti cittadini di Varese che hanno subito ingenti danni in quei giorni. Danni che, è bene ricordarlo, ammontavano a circa 30.000.000 di euro, tra quelli pubblici e privati.  Per questo motivo, abbiamo depositato oggi un’interrogazione comunale urgente per sapere se, come e quando Regione Lombardia, al pari del caso Bacchetta, intenda stanziare fondi a favore degli altri varesini danneggiati dall’alluvione del 15 Luglio 2009”.

7 agosto 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti a “Caso Bacchetta, Nicoletti: e gli altri alluvionati?

  1. cittadinosuperpartes il 7 agosto 2012, ore 21:19

    Questo Nicoletti e’ proprio una zecca, si attacca dappetutto pur di farsi pubblicita’vuol farsi passare per paladino dei diritti di tutti i cittadini pur avendo il cosenso di soli quattro gatti del suo clan.

  2. Maddy il 8 agosto 2012, ore 13:30

    Penso che Nicoletti abbia colto nel segno!!!
    Ci troviamo in una realtà in cui l’unico modo per “riscuotere” i propri diritti, sia quello di arrivare a dover piantonare e soffrire la fame, chi invece con Dignità, Silenzio e senza Velata Pubblicità, aspetta che le istituzioni facciano il loro dovere si trova con un pugno di mosche in mano. Se non ci fosse Nicoletti, che rischiando di passare, per “rompiscatole” mettesse in rilievo e a conoscenza i fatti che circolano in questa città, la cittadinanza ne sarebbe completamente allo scuro, e <> non avrebbe di cui commentare quotidianamente..

  3. cittadinosuperpartes il 8 agosto 2012, ore 14:26

    Cara sig Maddy, Lei sara’ una estimatrice del cavaliere delle cause perse, che e’ sempre in ritardo e a rimorchio, La battaglia la doveva condurre prima che la sig Bacchetta facesse lo sciopero della fame,comunque Lei continui a votarlo,contenta Lei………….I Varesini che si interessano della propria citta’ conoscono i fatti in tutta la loro interezza e sanno bene l’inutilita’ delle interrogazioni del Nicoletti al quale nessuno rispondera’

  4. ester il 8 agosto 2012, ore 15:34

    a parte Nicoletti che è un politico come gli altri e comumque perché non dovrebbero rispondere alle sue interrogazioni peraltro sensate,non lo fanno mai? Bella democrazia davvero!Quanto alla sig.Bacchetta mi pare che abbia saputo gestirsi mediaticamente molto bene e ciò è fondamentale nella nostra società ipocrita e buonista.Già questo mi infastidisce perché è la vittoria di uno che in qualche modo è già forte.E poi perché tanti soldi ad una sola persona?Mi si dirà che la mia è tutta invidia,può darsi.Ma che società,almeno per me,fondamentalmente ingiusta!

  5. cittadinosuperpartes il 8 agosto 2012, ore 18:14

    Cara sig Ester…… allora e’ vero che alcuni cittadini sono allo scuro dei fatti. Peraltro lo rimarrebbero anche con le interrogazioni del difensore delle cause perse. La informo solo di un particolare, che la sig Bacchetta aveva chiesto a tutti gli alluvionati di lottare insieme, come risultato a far lo sciopero ed a protestare e’ rimasta sola. Ora mi sembra giusto che per prima raccolga i frutti dei suoi sacrifici, e non come sempre funziona in questo paese, si accodi chi nulla a fatto per difendere i propri diritti

    cordialita’

  6. bruno belli il 8 agosto 2012, ore 19:23

    Non avrei voluto intervenire, ma mi ha spinto a farlo la diatriba tra @”cittadino superpartes” e le due gentili lettrici.
    Non avrei voluto intervenire, perchè, sovente, Nicoletti non meriterebbe nemmeno troppa attenzione e commentarlo lo pone in un’evidenza non meritata.

    Italo Calvino, nelle fiabe italiane, narra della famosa vicenda della filatrice Berta e dell’imperatore Nerone.
    Ecco, Berta, che non amava nemmeno lei Nerone, ottenne, però, dall’imperatore un amplissimo appezzamento di terreno proprio per la schiettezza con cui la donna gli si era rivolta. Le altre comari, allora, cercarono di “imitarla”, ma la risposta di Nerone fu chiara e saggia: “Non è più il tempo che Berta filava”

    Cosa significa questa storiella che risale, addirittura, all’Alto Medioevo?
    Significa quanto è avvenuto a proposito della signora Bacchetta, verso la quale va tutta la mia ammirazione, per quello che possa contare la mia opinione personale.
    La signora Bacchetta ha avuto il coraggio, la forza, la perseveranza di battersi per un diritto che la burocrazia Le negava.

    Ha fatto quello che il 90% degli Italiani, pusillanime, asinino e, come diceva Montanelli, cialtrone, non ha il coraggio di fare: si è esposta, tra l’altro con possibili conseguenze per la propria salute, per i familiari e per se stessa, sicrua dei propri diritti ed esemplare per gli altri – anche per quelli che ragliano sotto carota e bastone (oggi hanno altre forme, ma, credetemi, sono sempre due elementi di attualità italiana).

    Non credo proprio che lo abbia fatto per apparire sui media: o meglio, l’intelligenza di questa Donna (che scrivo con la “D” maiuscola, perchè ci sono le donne anche con la minuscola, e quelle che nemmeno hanno la “d”) l’ha invitata a “servirsi” dell’ultimo mezzo che Le restava, dopo l’iter burocratico infruttuoso.

    Quanto a Nicoletti, credo che se facesse meno interrogazioni quotidiane (che, di logica non possono nemmeno essee tutte seguite) e puntasse ad argomentazioni serie, coordinate, precise, frutto di un programma chiaro e definito, otterrebbe tanto maggiori risultati: il primo, quello di essere ascoltato, qualora proponesse qualcosa di intelligente (perchè, se lo volesse, saprebbe come lavorare politicamente…).
    Ma Nicoletti ha il grande difetto di non ascoltare mai suggerimenti (consigli?) ponderati, preferendo gettarsi a capofitto come l’ariete sulle mura dei castelli: preferisce andare contro tutto e tutti, senza che si comprenda bene il suo scopo, o, semplicemente, il suo metodo, come se per lui valesse l’errato motto del Ventennio “Molti nemici, molto onore”.

    Forse è il Nicoletti che “naviga” di preferenza l’elemento mediatico: lo scrivo con cognizione di causa. E me ne rammarico per lui: perchè egli è un possibile politico di ottime qualità che “frutterebbero” alla cittadinanza, ma, forse per un antico puntiglio, preferisce comportarsi come il famoso numero “1″ seguito dagli zero, cantato dall’anizano Trilussa.

  7. Giada Pillon il 8 agosto 2012, ore 23:33

    Per quanto riguarda la questione Alluvionati la penso come Maddy. Credo che Nicoletti non solo abbia colto ancora una volta nel segno, ma che sia come il solito uno dei pochissimi (se non l’unico) a segnalare e a evidenziare piccoli e grandi problemi irrisolti della città giardino. A colui che definisce Nicoletti “Cavaliere delle cause perse” vorrei rispondere di informarsi meglio sulle iniziative interessanti che costantemente Nicoletti e il suo movimento propone , e che puntualmente vengono SEGATE trasversalmente da maggioranza e opposizione in consiglio Comunale (CASTA PARTITOCRATICA). Provate a inserire nella ricerca ON LINE il nome “Nicoletti” oppure “Movimento Libero” e dell’infinita lista di proposte e indicazioni o interrogazioni ditemi quale ritenete INSENSATA!! Probabilmente successivamente alla lettura TROVERETE INSENSATI CHI BOCCIA QUELLE PROPOSTE.
    Inoltre, PROGETTO 2 GIUGNO, laboratorio socio-politico su territorio Nazionale, in pochi sarebbero riusciti a metterlo in piedi…quindi tutta la mia Stima va a TUTTI I NICOLETTI D’ITALIA..uscite allo scoperto e dateci una mano a cambiare l’Italia.
    Giada Pillon

  8. Maddy il 9 agosto 2012, ore 08:43

    Trovo veramente fuori luogo e ridicolo, l’accanimento, tra l’altro offensivo, contro chi il proprio ruolo poltico “di opposizione” lo ha preso con serietà. Le testate giornalistiche hanno reputato interessante pubblicare quanto detto dal Sig. Nicoletti, il quale, differentemente da quanto si evince in alcuni commenti, aveva fin da subito sorretto non solo la sig.ra Bacchetta, ma chi come lei si è trovata tra gli alluvvionati…la lotta della stessa è da ammirarare, ma è anche vero che, ci sono persone che non si possono permettere di perdere giornate di lavoro e non hanno aiuti che gli consentano di fare andare avanti una famiglia con figli mentre, per giusta causa, manifestano. Estimatrice, o meno, votante o meno, cosa tra l’altro da me non scritta, la mia opinione concorda semplicemente con chi ha il coraggio di farsi sentire …Se cittadinosuperpartes è al corrente di interrogazioni a cui non sono state date risposte o fatti di cui noi “semplici cittadini” non siamo a conoscenza, che si faccia finalmente sentire e conoscere, anche perchè ditterentemente da come si presenta .. non mi pare proprio sopra le parti .. anzi pare proprio esserci molto dentro .. sig. Belli …mi permetta una domanda.. ma lei di lavoro fa il Commentologo?

  9. Alessio Nicoletti il 9 agosto 2012, ore 08:49

    Il dibattito sembra interessante, ma occorrono alcune precisazioni:
    1)I Consiglieri Comunali hanno diritto di iniziativa attraverso due strumenti: le interrogazioni, gli ordini del giorno e le mozioni(proposte). Le interrogazioni da me presentate hanno avuto tutte, e sottolineo tutte, una risposta come prevede la vigente normativa in materia, ponendo spesso la base alla risoluzione delle questioni poste, che evidentemente spesso sono frutto delle segnalazioni di cittadini. Gli ordini del giorno e le mozioni vengono regolarmente discusse in Consiglio Comunale, spesso vengono bocciate per partito preso, ma non sono mancate le occasioni in cui sono state approvate come quelle, per citare due esempi, per la richiesta di incostituzionalità dell’Imu o per favorire la vita quotidiana delle mamme.
    2) Ho espresso compiacimento per la vittoria del Sig,ra Bacchetta, ma ritengo che l’istituzione debba valutare le situazioni in modo oggettivo e non soggettivo. Centinaia di varesini hanno subito danni, anche molto ingenti, durante l’alluvione del 2009 e, di conseguenza, avrebbero tutti diritto, a nostro giudizio, di essere trattati come la Sig.ra Bacchetta, senza nulla togliere alla sua personale battaglia. Per questo abbiamo presentato, come nostro diritto e dovere, l’interrogazione comunale.
    3)Commentare il “commentologo” Belli mi riesce difficile visto la stima che, nonostante tutto, nutro per lui per le sue attività culturali, che qui purtroppo non trovano riscontro, mentre mi riesce più semplice rispondere a chi beatamente mi definisce “cavaliere delle cause perse” o, addirittura, “zecca”. Personalmente, fino a quando i varesini mi daranno il consenso, non starò mai zitto e cercherò di far prevalere l’interesse generale rispetto a quello particolare con buona pace di chi non mi vuole bene e, magari, con il sostegno di chi mi stima.

  10. cittadinosuperpartes il 9 agosto 2012, ore 14:25

    Bene sig Pillon…….. nessuno la vuole dissuadere dal suo innamoramento elettorale, da politici come Nicoletti . Le rammento che sino a non molto tempo fa era parte integrante di quella che Lei chiama Casta Partitocratica, solo che al suo interno era una nullita’ non che ora abbia chissa’ quale seguito, e tutte le sue interrogazioni e prese di posizione, sono solo in funzione mediatica, senza mai risultato, perche’ innutili e quasi sempre impraticabili. Comunque la democrazia e’ questa fa rendere visibili anche le nullita’
    Cordiali Saluti

  11. bruno belli il 9 agosto 2012, ore 16:20

    Per @Maddy.

    La parola “commentologo” non esiste, ma se Le piace usarla, faccia pure.

    Non sono tenuto a riferirle di me stesso, ma, poichè non temo di espormi, se devo portare avanti idee, proposte, dibattiti, diventuo un essere “pubblico” (mio malgrado), La invito a farsi un giretto su “Internet”, oppure alla Biblioteca Comunale (emeroteca e catalogazione), così potrà trovare tutti i dati che risponderanno alla Sua curiosità.

    Da misero giornalista di 44ma categoria (una delle mie inqualificabili pertinenze), però, Le dirò, Maddy, che posso vantarmi almeno di una dote in più di Lei, giacchè, proprio per quanto sopra, io firmo sempre per esteso, assumendomi fino in fondo le mie responsabilità, senza trincerami dietro un nome fittizio, o roba simile, cosa che Lei non può, invece, annoverare tra le Sue pur numerose qualità.

    Sono convinto che, finchè esista la Democrazia, Lei possa senz’altro esprimere la Sua opinione, ma anche che lo stesso possano fare gli altri cittadini, tra i quali ci sono anch’io, senza che nessuno, inviperito perchè d’idea diversa, debba reagire insinuando una possibile “malignità” di fondo e volendo tacitare l’ “antagonista”.

    Penso che un tale atteggiamento faccia molto più male a Nicoletti – che Lei difende, e ne ha tutto il diritto – di quanto ne abbia fatto il miserrimo Belli con un po’ di provocatoria ironia. (Se avesse letto con attenzione, avrebbe visto che, anche se ormai “separati” politicamente, nei confronti dell’ uomo Nicoletti mi sono servito di termini come “ottimo”, pur in un periodo ipotetico, se della “possibilità”, o della “irrealtà”, lascio decidere Lei, non essendo io un essere divino onniscente).

    Purtroppo gli Italiani – come mi insegnò il Maestro Indro Montanelli – non sono in grado di apprezzare l’ironia: forse sanno essere più “comici” che “ironici”.
    Uno dei motivi per i quali siamo conciati, oggi, così?

  12. bruno belli il 9 agosto 2012, ore 16:22

    Mi scuso per l’errore di digitazione, ma “diventuo” sta per “divenuto” non per “divento”.

  13. 1 dei 4 gatti il 9 agosto 2012, ore 17:21

    mah!!! di cittadinosuperpartes mi pare capire che lei abbia ben poco…….dai suoi attacchi intuisco quale sia la sua reale natua……..o berlusconiana …o anzi meglio….trombato leghista…..qualunque sia la sua natura sappia che chi conosce la realtà di nicoletti, sa bene quali siano le sue battaglie…………e poi faccia una cortesia a tutta l’umanità, che di gente come lei non ha bisogno, vada a fare un giro in olanda assieme ai suoi amici di partito, l’eutanasia è ammessa………in breve si tolga dalla faccia della terra………….le pago io il biglietto di sola andata….

  14. Giada Pillon il 9 agosto 2012, ore 18:54

    Signor cittadinosuperpartes se tutti i nostri governati fossero attivi come il buon Nicoletti, probabilmente oggi non dovremmo arrampicarci sugli specchi per salvare il Paese cannibilizzato dai suoi amici che ritiene migliori. Ritenere da parte sua Nicoletti una nullità mi porta ad avere un quadro ben chiaro della sua persona…
    E’ evidente che vi sono delle questioni personali nei suoi confronti, altrimenti qualunque persona di buon senso, anche politicamente contraria alle idee di Nicoletti, ammetterebbe che è una persona preparata e attiva.
    Comunque la ringrazio, perchè i suoi interventi mi hanno stimolati ad informarmi ancora di più sull’operato di Nicoletti, e pertanto ad apprezzare ancor di più la sua persona!! Inoltre, vorrei evidenziare che sono una signora (GIADA PILLON) e non un sig. PILLON!!!

  15. cittadinosuperpartes il 9 agosto 2012, ore 18:55

    Per 1 dei 4 Felini………e’ evidente che Lei e’ un acuto conoscitore di uomini, e dall’intuito infallibile, difatti non ne ha azzeccata una, Nicoletti si scrive essendo un cognome con l’inniziale in maiuscolo, e a maggior ragione Lei che lo apprezza tanto, lo dovrebbe scrivere con tutti i caratteri maiuscoli.Per quanto riguarda la parte finale del suo scrittoe’ una ricetta stravecchia, gia’ in vigore dal 68 nelle polemiche politiche, quindi non e’ nemmeno originale. Ha solo il pregio di far capire, chi e con quale livello culturale segue Nicoletti. Lei piu’ che farle un favore le ha arrecato un danno di immagine . Comunque continui cosi, e i soldi se ne ha da buttare non li usi per i biglietti ma per qualcosa di piu’ utile per se stesso!!! Per Nicoletti persona nulla da eccepire, come politico per quanto mi concerne e’ uno zero

  16. cittadinosuperpartes il 9 agosto 2012, ore 20:40

    Signora Giada Pillon, chiedo venia per l’errore commesso, e spero che Lei abbia comprensione. Almeno un risultato e’ stato ottenuto, anch’io la ringrazio nell’avermelo attribuito se non altro si e’ informata di piu’ il che non guasta mai. Le voglio ribadire che con Nicoletti non ho il minimo risentimento personale, come uomo, ma come politico lo ritengo innutile sia come movimento che come battaglie ingaggiate che non producono nulla, se non il farsi notare come bastian contrario, quasi sempre, perche’ e’ il destino dei politici locali che hanno un seguito minimo. Le assicuro che l’Italia ne e’ piena e provocano solo confusione. Credo, che sia innutile rispondere ancora su cio’ perche’ mi pare di essere stato esaustivo sul piano politico, e credo che si sia capito che personalmete non ho nulla contro la persona
    i piu’ cordiali saluti

  17. Maddy il 10 agosto 2012, ore 08:46

    Sig. Belli,
    mi lusinga tanta attenzione nei miei confronti, di sicuro l’intento di provocarla è stato raggiunto.
    Il suo velato, e neppure tanto velato, accanimento verso un movimento in cui ha militato mi fa semplicemente sorridere … la mia cara nonna mi diceva sempre .. non si sputa nel piatto in cui si ha mangiato!!!

  18. bruno belli il 10 agosto 2012, ore 16:12

    Cara @Maddy, due semplici precisazioni, doverose, soprattutto per la credibilità della mia persona, giacchè Lei perdura nello starnazzare a vanvera.

    1) Ripeto, per l’ultima volta, ed a chiare lettere, che la mia candidatura per ML fu per “amicizia” nei confronti di Nicoletti, il quale, se volesse manifestare sinceramente i fatti, fu l’unico ad insistere, giacchè io non avrei voluto farlo, e più volte gli dissi che non sarei stato adatto a fare il consigliere comunale (per quali motivi non me ne sentissi volontà, sono soltanto affari miei…).

    Avevo espressamente manifestato a Nicoletti che, se fossi stato eletto, avrei lasciato ad un un altro del gruppo – magari più entusiasta di me – il mio scranno in Consiglio Comunale, restando io, eventualmente, nel movimento solo come “anima culturale”.

    Ribadisco, inoltre, che non sono mai stato iscritto al movimento e che ho sempre mantenuto la mia personale autonomia, tra l’altro restando “sospeso” dall’attività giornalistica attiva con “La prealpina”, per la quale lavoravo, fin dal dicembre 2010 (quando la candidatura fu ufficializzata), per evitare ingerenze, accettando anche la conseguenza di non percepire, pertanto, per 6 mesi, i compensi lavorativi.

    2) il fatto che mi sia allontanato subito dopo le elezioni dal Movimento stesso è ampiamente documentato dagli interventi di cui sopra.
    Se legge con attenzione, soprattutto quanto ha scritto “1 DEI QUATTRO GATTI”, comprenderà benissimo perchè Belli non voleva, non poteva e non doveva restare in un gruppo con certa gente.

    Senza offesa, sono ancora considerato una persona assennata, mi dicono stimata ( anche se non toccherebbe a me ribadirlo, ma, dato il caso, mi permetto di farlo) e, corretta: come tale, non desidero non posso e non devo mischiarmi con chi non sia in grado nemmeno di ragionare in modo ponderato, equilibrato e sereno. Tutto qui.

    Non ho mai sputato in alcun piatto, perchè non ho mai spartito con alcuno nè cibi, nè “torte”, nè ricevuto alcun compenso: semmai, ho solo dato – e tanto (vi siete dimenticati le “Note risorgimentali”, così apprezzate in molte parti della Penisola? E’ proprio per il rispetto che ho delle persone civili che non avrei potuto “sedere a tavola” con quelli che definii, già a suo tempo su LA PREALPINA, una sorta di “ARMATA BRANCALEONE”.

    Come dice Flora ne “La Traviata”, cara Maddy, a questo punto, “meglio fora se aveste taciuto”. Ma preferisco scusarLa io, e nemmeno più considerarLa.
    Auguro a Nicoletti tutto il bene che possa ricavarne dalla poltica, per quanto mi riguarda, ma mi prometto che, come giornalista, non cesserò, fin che mi sarà possibile, di vigilare su luci ed ombre della nostra soccietà.
    Mi stia bene. Con rispetto.

    TANTO DOVEVO PER CORRETTEZZA NEI CONFROTNI SOPRATTUTTO DEI MIEI LETTORI E DEL DIRETTORE GIACOMETTI CHE CORRETTAMENTE MI OSPITA.

    Bruno Belli.

  19. Maddy il 13 agosto 2012, ore 08:02

    Carissimo Belli, finalmente ha deciso di non considerarmi, ciò mi lusinga ancora di più.
    Meno male che la sua candidatura era per “amicizia”.
    Le consiglio “starnazzando”un bel periodo di riposo.. dalle sue parole si nota un pò di frustrazione.. Mi raccomando passi un felice ferragosto!!
    PS: se io avessi taciuto Lei come avrebbe passato le sue giornate??Suvvia.. si vede che le è piaciuto antrare nella polvere che le mie ali alzano..

  20. osservatore padano il 14 agosto 2012, ore 14:50

    fermi tutti! qua nessuno mette in discussione il buon diritto della signora ad essere aiutata. lascia estremamente perplessi però che una simile somma le venga regalata come se fossero soldi personali di qualche politico, e non soldi pubblici, cioè della gente, cioè dei contribuenti, per giunta in assenza di qualunque criterio di imparzialità e di trasparenza ….. vorrei solo ricordare che il diritto ad un indennizzo pubblico, in qualunque paese civile, non deriva dal digiuno o dalle proteste che uno mette in scena. ma dalla legge. ora: se questa legge esiste per la signora , allora deve valere per forza anche per tutti quelle come lei, che sono stati alluvionati. altrimenti, che legge è?? diversamente non resta che il giudice visto che la politica non è più capace di fare politica, cioè di aiutare indistintamente tutti, senza chiedersi se siano amici suoi oppure no ….

  21. Gasparini Marco ML il 18 agosto 2012, ore 04:16

    1) chi non è d’accordo con le interrogazioni, proposte o denunce di movimento libero o decide di star zitto o confuta proponendo migliorie: caro superpartes il tuo atteggiamento da Italiano medio ha stufato!
    2) osservatore padano ha centrato in pieno quello che Nicoletti ha chiesto e gli insulti scaturiti sono ingiustificabili,
    3) carissimo Belli le tue parole da canta storie non saranno degne di noi di Movimento Libero ma non ti permetto di insultare un gruppo che conosco bene composto da molte persone di diverse provenienze sociali ma tutte con lo spirito di far qualche cosa di buono per Varese, la Lombardia e l’Italia!!! Inoltre non dimentico quello che scrissi di me benchè non mi conoscessi: infatti sei l’unico, e ribadisco l’unico, che ancor oggi non ho avuto il piacere di conoscere personalmente benché fossimo inseriti nella stessa lista! ma d’altra parte si sa che chi si nasconde dietro una penna spesso è perchè non ha abbastanza personalità per far cose concrete e utili!!!
    4) Con l’avvenire del Gruppo due giugno – Progetto Italia abbiamo imparato che l’invidia per chi ha il coraggio di creare ottime alternative puó far cose tremende ed è con questa consapevolezza che non ci importa nulla delle critiche o di chi ci “odia” perchè ci sono ad oggi migliaia e migliaia di persone che ci supportano!

    cordialmente
    Gasparini Marco
    Movimento Libero

  22. bruno belli il 18 agosto 2012, ore 09:37

    Comincerò ad imparare come ci si comporta e si agisce nella società – giacchè non ho ancora fatto alcunché di concreto, perchè mi nascondo dietro la penna – da Marco Gasparini, il quale ha tanta esperienza più di me, avendo egli inoltre circa una quindicina di anni in meno del sottoscritto, ed è così bravo che non ha ancora imparato (da quando lo conosco di nome) che ci si firma, ci si presenta e ci si propone, tranne che sui documenti composti dalla burocrazia, prima con il nome e poi con il cognome.

  23. ester il 18 agosto 2012, ore 11:38

    Non trovo x niente interessanti né pertinenti né utili tutte queste beghe tra Nicoletti eBelli. Trovo giusto il commento dell’osservatore p. sec.cui uno deve essere aiutato in base alle leggi e non xché va in tv.È anche vero che spesso le istituzioni tacciono e se uno è solo può ben poco.La sig.in questione è stata ben supportata,ma non mi pare giusto.Come non sono giuste nemmmeno certe rivendicazioni prepotenti di certi gruppi(penso ad alcuni Rom. o a certi cd.rifugiati o a taluni clandestini)che esigono diritti sfruttando il buonismo e i valori di uguaglianza ecc.cui la nostra società a parole si rifà e da cui è in qualche modo bloccata.Se no si arriva all’assurdo e magari il profugo è ospitato in hotel e l’italiano non riesce a trovare casa.Così si creano diseguaglianze all contrario e ingiustizie che fanno male.Uno Stato,pur nel rispetto di valori e persone,deve saper porre paletti e priorità.E così la sig.in questione è x me un esempio,ancora una volta, di ingiustizia.AnnaBiasoli

  24. Gasparini Marco ML il 18 agosto 2012, ore 18:26

    Rispondo brevemente al “canta storie” dicendo che non sono per le formalità (nomi, cognomi e impostazioni) poichè preferisco agire che parlare nonostante abbia 15 anni meno di lui.
    Mi rifaccio poi all’ultimo commento della sig.ra Ester:
    il vero problema è che in Italia passano come eroi coloro che si battono, giustamente, contro le ingiustizie delle istituzioni quando queste dovrebbero essere un sicuro riparo solido e funzionante per chi questi enti li mantiene.
    Dato per certo che ognuno ha la sua idea ed è giusto che la difenda esorto, chiedo e spero che anche gli altri 30 e passa consiglieri comunali di Varese intasino gli uffici comunali di mozioni e interrogazioni intelligenti in maniera da dimostrare che a Varese l’unica rappresentanza che tutela il cittadino non è solo Movimento Libero tramite il suo eletto Nicoletti Alessio, dato che ormai abbiamo dato per dispersa la giunta comunale composta da assessori che tutto hanno per la testa pur che cominciare a combinare qualche cosa dopo quasi un anno e mezzo di insediamento.

    Gasparini Marco
    Movimento Libero
    Co – fondatori
    Gruppo due giugno – Progetto Italia

  25. bruno belli il 18 agosto 2012, ore 19:18

    Per @Ester.

    Lei ha ragione a proposito di Nicoletti – Belli.

    Ma se leggerà con attenzione, vedrà che fuori del tema non sono andato io con il commento iniziale, dove ho dato il mio punto di vista sull’ “esempio” della sig.ra Bacchetta.

    Se poi, qualcuno, La accusasse di sputare nel piatto in cui ha mangiato, sopratutto non avendolo fatto, trattandosì di grave illazione, Lei non risponderebbe, anche andando fuori del tema?

  26. cittadinosuperpartes il 18 agosto 2012, ore 21:36

    Sig. Gasparini Marco…..non avendo il piacere di conoscerla personalmente, non saprei nemmeno cosa suggerirle per affinare l’educazione e il bon ton nel rivolgersi a sconosciuti quale io sono. L’affermazione che Lei fa nei miei confronti e’ semplicemente innutile insignificante e non ha nulla a che vedere con il dibattito sviluppato all’innizio. Non so Lei chi sia, e che ruolo svolge in ML, e non mi interessa saperlo, mi e’ sufficente il Sig Nicoletti, che basta e avanza, con interrogazioni e polemiche innutili, che non producono nessun risultato, anche se qualche volta vengono prese in considerazione. Per quanto riguarda la rappresentanza comunale che Lei bolla come perdigiorno inconcludenti, hanno il sostegno da parte dei cittadini con un numero di voti in misura elevata rispetto a ML, che Lei sostiene essere il detentore delle idee che salverebbero la societa’

    Cordialmente…..C.S.

  27. ester il 18 agosto 2012, ore 21:50

    Marco, io di eroi non ne vedo proprio in giro,anzi,forse non mi sono spiegata,ma la sig. Bacchetta,anche se ha avuto i suoi problemi,non mi pare abbia dimostrato un particolare coraggio,perché fin dall’inizio ha avuto la fortuna di diventare un caso mediatico e il Potere vive di apparenze con cui manovra e confonde le masse.Quanto ai politici varesini,io non vedo nessuno che operi x darci servizi che ci aiutino a vivere meglio o x non sprecare il denaro pubblico.So che Nicoletti ha presentato interrogazioni su quest’ultimo problema(Varese cinema,europea ecc.ecc)ma niente cambia e a me sembra che tutti i nostri amministratori proprio a questo tendano,al di là di un gioco delle parti volto in realtà al mantenimento del potere. Sig.Belli anch’io sono andata fuori tema e sono stata come lei un po’ prolissa.Capisco il suo disappunto,anche perché si sente che lei è sincero,però forse un po’meno di egocentrismo…lo dico anche x me.Guardi io vedo errori di ortografia o concetti confusi in certi interventi,però troverei saccente evidenziarli o dire che sono laureata,non l’ho mai fatto,forse sbagliando, .Ma visto che certi la laurea se la sono comperata o altri,magari in posizione di potere non ce l’hanno e si sente pure,mi lasci stasera essere presuntuosa e firmarmi dott.Annamaria Biasoli

Rispondi