Varese

Iat, il Comune fa il bilancio di due mesi di attività

Lo Iat di Varese

Lo Iat di Varese è da tempo oggetto di valutazioni e polemiche. Un organismo che si è andato ad affiancare ad altre realtà che si impegnano sul fronte del turismo, spesso con sovrapposizioni ed effetti-fotocopia. A Varese – e questo è il vero problema – non c’è una politica di promozione turistica e del territorio unitaria. Comune e Provincia (per non parlare dei tanti organismi privati) camminano ognuno per conto proprio, senza incrociare strategie e proposte per il futuro.

Ora giunge da Palazzo Estense, che sta lavorando per privatizzare la gestione dello Iat, un bilancio dell’attività e dei numeri dello Iat di Varese, che viene giudicato sulla base di numeri relativi soltanto a due mesi. Dal 1° giugno quasi 3mila turisti e visitatori hanno fatto tappa allo Iat di via Romagnosi. E nel mese di luglio, su 1648 utenti complessivi, il 54,92 % era straniero. Dal punto di vista dei dati, forse sarebbe meglio avere quelli complessivi di tutto l’anno per potere poi tirare le somme sulla reale utilità dello Iat.

Sui dati proposti dal Comune, interviene l’assessore alla Promozione Turistica, il leghista Sergio Ghiringhelli: “numeri interessanti. Stiamo valutando i flussi per capire anche strategie future, quali sono i luoghi preferiti e su cosa puntare a livello di promozione. La durata media del soggiorno in città, con visite sul territorio, è di due giorni. Le informazioni più richieste riguardano le mete da visitare in provincia e materiale turistico e sugli eventi organizzati. Rispetto agli scorsi anni cresce il turismo proveniente da Francia e Olanda, circa il 20% in più dell’anno scorso. Si registra una contrazione generale del flusso turistico, ma dal nostro osservatorio possiamo dire che stiamo tenendo nonostante la crisi. I turisti cercano soluzioni economiche di ospitalità che garantiscano comunque qualità e comfort. Lo Iat fornisce anche supporto ai varesini, per il rilascio delle tessere per il gimme bike ad esempio, con oltre 80 richieste in due mesi”.

Restando ancora solo su due mesi, il Comune ribadisce che a giugno gli utenti sono stati 1286 (582 uomini e 704donne), di cui il 38,18% stranieri e il 52,49% non residenti.  Si registra un 12,91% di tedeschi, seguiti dai francesi provenienti in prevalenza dalla zona di Parigi (5,05%), da cittadini del Regno Unito (4,67%) e dalla Svizzera(3,03%). 14 visitatori provenivano dal Nord America, zona dell’Ontario, 3 dall’Australia, 2 da Israele, 4 dal Giappone, 5 dalla Cina, 8 dai paesi scandinavi. Il 50,70% degli utenti ha un’età superiore ai 50 anni.

Luglio ha visto una prevalenza di stranieri. Su 1648 utenti (786 uomini e 862 donne), 905 sono, infatti, stranieri: il 19,24% tedeschi, il 12,01 per cento olandesi, il 9,77% francesi. Due i russi, 5 gli australiani, 5 da Israele, 10 dalla Cina e 34 svizzeri. Per quanto riguarda gli italiani, la maggior parte proviene da Veneto, Piemonte, Emilia e Toscana. Molto afflusso anche nella giornata di ieri, 1° agosto, per la festività in Svizzera: 80 utenti di cui 18 della Svizzera tedesca e francese.

In merito alle strutture ricettive, molto interesse per Bed&Breakfast, campeggi e case in affitto nella zona dei laghi e per gli hotel di categoria media. I luoghi varesini più richiesti per le visite o per ricevere materiale informativo sono la città (centro, giardini, ville, musei), il Sacro Monte ed il Campo dei Fiori, piste ciclopedonali (sul lago di Varese e in provincia soprattutto da parte di olandesi), il trekking al Parco Campo dei Fiori, il lago Maggiore (Eremo di Santa Caterina e Isole Borromeo), le zone dei laghi balneabili (da Monate a Luino). Infine, soprattutto gli stranieri chiedono info su ristoranti che propongono piatti tipici regionale come risotto, gnocchi e formaggi.

L’ufficio resta aperto tutto agosto con i seguenti orari: fino al 12 da lunedì a sabato dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 18.30 (ad eccezione del martedì 9.30-13 e 15-17); domenica dalle 9.30 alle 13. Dal 13 al 26 agosto, lunedì a sabato 9.30-15.30 e domenica 9.30-13.

2 agosto 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi