Varese

Universitario cinese il primo in navetta al Sacro Monte

Geng Liu sale sulla navetta per il Sacro Monte

La navetta per il Sacro Monte di Varese, il bus granturismo che collega le stazioni con la montagna sacra, ha affrontato questa domenica la sua seconda prova, dopo che domenica scorsa non ha registrato la presenza di viaggiatori. Scarsa l’informazione, nessun materiale sulla proposta disponibile nelle stazioni, una partenza improvvisa senza che fosse stato organizzato un minimo di promozione.

Questa mattina qualcosa di nuovo è accaduto. Innanzitutto il pullman si è presentato alla sua prima tappa, davanti alla stazione Rfi di Varese, con la fiancata ricoperta da una maxi-immagine del Sacro Monte, certamente un maxi ”scatto” che cattura l’attenzione di varesini e stranieri. Una novità, dato che domenica scorsa il pullman non era stato ancora arricchito con questa immagine.

E questa mattina, per la prima volta, si è presentato al granturismo un viaggiatore. Il primo viaggiatore del bus-navetta previsto nell’Accordo di programma per una migliore accessibilità al Sacro Monte. E il primo viaggiatore è uno straniero: è Geng Liu, cinese, 33 anni, studente di Informatica presso l’Università dell’Insubria a Varese. Lo studente arriva da un paese che dista una decina di ore di viaggio da Pechino.

“Ci sono già stato altre volte al Sacro Monte di Varese – dice Geng Liu -. Mi piacciono molto il panorama e la natura che lo caratterizzano. E quindi oggi utilizzo questo servizio”. All’universitario domandiamo come è venuto a conoscere questo servizio. Ci segnala che alle fermate dei bus di linea sono state collocate piccole locandine. “Stavo aspettando la linea C alla pensilina accanto alla stazione delle Nord, quando sono venuto a conoscenza del servizio: un buon servizio, decisamente conveniente, anche per chi arriva in treno”.

Infatti da questa mattina alcune locandine sono state collocate alle fermate dei bus. Ancora nessun materiale informativo, invece, nell’atrio delle due stazioni varesine.

29 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi