Politica

E Bossi non si fa da parte: “il capo sono io”

 

Umberto Bossi

Il capo? ”Sono io”. Parola di Umberto Bossi che, incontrando i giornalisti fuori dall’Aula di Montecitorio, risponde indirettamente al segretario Maroni, che ha dichiarato che la presidenza del Senatur ha solo un ruolo affettivo.

Poi Bossi chiarisce meglio il suo pensiero: “Ci sono tanti cani piccoli che abbaiano molto, ma non fanno paura”. Di ritorno a Montecitorio dopo settimane di assenza, il Senatur aggiunge: “A me Roma non piace. La guerra preferisco farla sulle Alpi”.

Secca la replica del segretario federale della Lega Nord: “C’e’ stato un congresso che ha preso una decisione. La questione per me è chiusa” taglia corto.  Poi Maroni dice a Berlusconi: “Se lo spread supera quota 500, stacchi la spina al governo Monti, come hanno fatto  con lui”.

Un battibecco che conferma come le polemiche e le divisioni continuino ad essere all’ordine del giorno nel Carroccio. E che Bossi non ha nessuna voglia di farsi da parte per lasciare passare il nuovo corso maroniano.

19 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi