Laveno

La 40 ore di sport adotta una famiglia emiliana

Una “40 ore di sport” speciale, all’insegna della beneficienza, per il Ci.La Club Laveno Mombello, nei giorni 20, 21 e 22 luglio. L’edizione 2012 dell’ormai storica kermesse sportiva lavenese, in scena per il 14° anno consecutivo, affiancherà infatti ai valori sportivi che sono alla base della manifestazione, anche una raccolta fondi per aiutare concretamente una famiglia di San Felice sul Panaro, una delle località più vicine all’epicentro del terremoto che ha devastato l’Emilia Romagna.

Iniziativa che pervaderà l’intera tre giorni sportiva, ed è maturata durante i recenti Campionati Italiani di Nuoto Sincronizzato, ai quali ha partecipato la squadra del Ci.La Club. Proprio in quell’occasione le atlete lavenesi, oltre a confrontarsi “in piscina”, hanno avuto l’occasione di conoscere l’allenatrice della squadra dell’Acquacenter San Felice sul Panaro. Squadra presente nonostante il dramma vissuto, pur a ranghi ridotti, e forte del motto vergato su uno striscione che recitava “neanche il terremoto ci ha fermati”. Frase semplice, quasi scontata, ma densa di significato e testimone dello spirito con il quale quell’allenatrice e quelle atlete, come rappresentassero le loro famiglie e le tante comunità colpite dal terremoto, stiano affrontando una realtà drammatica.

L’esperienza ha toccato e commosso con forza la squadra lavenese, e dato l’idea a Cinzia e Bruno del Ci.La Club di attivarsi per un aiuto il più concreto possibile. Scartata l’ipotesi iniziale di contribuire alla ricostruzione della piscina di allenamento della squadra dell’Acquacenter San Felice, proprio Cinzia ha avuto l’intuizione di chiedere se fosse possibile individuare una delle famiglie più in difficoltà del Comune, in modo da poter attivare la macchina della 40 ore per una raccolta fondi ad hoc. Il centro sportivo di Laveno Mombello è stato così messo in contatto con Sergio, Alessandra e il figlio Mirko: un piccolo nucleo familiare che, a causa del terremoto, ha perso la casa di San Felice e al tempo stesso perso il lavoro per i gravi danni subiti dallo stabilimento di Mirandola, dove Sergio e Alessandra erano impiegati. Senza parenti vicini e in grado di ospitarla, la famiglia vive al momento in tenda, e sta cercando un modo per cercare di salvare almeno il piano terra della casa distrutta, operazione per la quale servono necessariamente dei fondi.

Proprio a questo scopo servirà dunque la raccolta organizzata in occasione della 40 ore 2012, chiamata proprio “Progetto adottiamo una famiglia emiliana – raccolta fondi per ricostruire la casa di Sergio, Alessandra e Mirko”, che si articolerà in diversi momenti, a partire dall’ospitalità che le famiglie delle atlete lavenesi daranno alle amiche emiliane. Per essere presenti alla 40 ore infatti, le giovani di San Felice saranno accolte dalle famiglie del nuoto sincronizzato del Ci.La, coinvolte per offrire anche un piccolo periodo di vacanza a chi, è comprensibile, non avrebbe avuto la possibilità in un momento così difficile.

PROGRAMMA 40 ORE DI SPORT 2012

Venerdì 20 Luglio: ore 21.00 concerto rock “ROCK SCHOOL” ore 24.00 fischio d’inizio della 14^ edizione della 40 ore di sport. (calcio a5, basket 3vs3, volley 4vs4, tennis tavolo, calcio balilla, play station e freccette)

Sabato 21 Luglio: ……… continua la 40 ore di sport ore 10.00 gara mountain bike ore 16.00 calcio balilla umano ore 20.00 zumba special guest

Domenica 22 Luglio: ……… ultime ore della 40 ore di sport ore 9.00 gara podistica ore 16.00 fischio di chiusura dell’14^ edizione della 40 ore di sport ore 16.30 premiazioni

 

16 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi