Economia

Assemblea Ance, tante le iniziative contro la crisi

L’assemblea annuale di Ance Varese, l’associazione provinciale delle imprese del settore edilizio, si riunirà mercoledì 18 luglio, alle ore 17, nella sede varesina di via Cavour 35, per un’analisi dell’andamento del settore e per la presentazione di alcuni strumenti di carattere innovativo, messi a punto per contrastare una crisi che, nel 2011, ha provocato un ulteriore calo del giro d’affari complessivo dell’industria delle costruzioni.

Nel corso dell’incontro, il presidente provinciale Sergio Bresciani e il Consiglio direttivo illustreranno i contenuti di un protocollo d’intesa per la promozione, anche attraverso finanziamenti bancari dedicati che saranno illustrati da Flavio Debellini di Ubi Banca-BPB, di interventi di ristrutturazione e di miglioramento delle prestazioni energetiche degli immobili, con contenimento dei consumi.

Il documento operativo è stato concordato con le altre organizzazioni imprenditoriali del territorio, con gli ordini professionali e promosso con il patrocinio della Camera di commercio e con la collaborazione dell’Associazione degli amministratori condominiali. Non meno importanti, per il sostegno a un settore strategico del sistema economico dell’area varesina, sono i nuovi strumenti creditizi (in particolare per la cessione pro soluto dei crediti) che saranno messi a disposizione delle aziende oggi penalizzate dal grave ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione per effetto del Patto di stabilità.

Gli accordi sottoscritti da Ance saranno presentati all’assemblea da Andrea Nebbia di Sace Fct e da Fabio Marni del Gruppo bancario Intesa San Paolo che, nell’occasione, presenterà anche i contenuti dell’accordo recentemente sottoscritto con Ance in base al quale si intende dedicare al sostegno dell’operatività del settore edilizio ben 2 miliardi di euro a livello nazionale.

Prima della conclusione dei lavori è infine prevista una cerimonia per il conferimento di una medaglia d’oro alle aziende iscritte da cinquant’anni ad Ance Varese e di riconoscimenti alle imprese associate attive nel settore da 25 anni.“Dobbiamo pendere atto – rileva Sergio Bresciani – della situazione di grave difficoltà in cui si trovano ad operare le imprese non supportate dalla pubblica amministrazione a causa della pesantezza degli oneri burocratici che le stesse devono sostenere, e delle previsioni negative per l’immediato futuro del settore, previsioni che confermano un’ulteriore riduzione delle commesse. In questo contesto non dobbiamo tuttavia abdicare al nostro ruolo di imprenditori e non dobbiamo disperdere quella ricchezza di capitale umano e di know how tecnico e professionale che è patrimonio del nostro sistema di imprese. E’ pertanto decisivo attrezzarsi per operare in una nuova epoca e in un mercato diverso facendo leva sulla qualità, la responsabilità, l’efficienza e su moderne forme di sinergia”.

14 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi