Gallarate

Gallarate, la Polizia arresta topo d’appartamenti

Nel pomeriggio di ieri 12 luglio gli agenti del Commissariato di PS di Gallarate diretto dal Commissario Capo Gianluca Dalfino hanno tratto in arresto B.R., ventitreenne albanese regolarmente soggiornante a Cardano al Campo e già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Busto Arsizio su richiesta del Pubblico Ministero Dr Pasquale Addesso.

Nei confronti di B.R. sono emersi gravi indizi di responsabilità in relazione al furto consumato in una villetta della periferia di Ferno lo scorso mese di maggio. In quella occasione il giovane aveva approfittato dell’assenza pomeridiana dei proprietari e, dopo avere infranto la finestra di un bagno, si era introdotto all’interno dell’abitazione; era però stato costretto ad una precipitosa fuga dall’inatteso rientro dei proprietari di casa. Questi ultimi avevano così avuto modo di vederlo, mentre fuggiva rocambolescamente lungo le scale di casa e poi attraverso il giardino scavalcando la recinzione esterna, prima di constatare l’avvenuta sottrazione di alcuni gioielli conservati in un mobile di una camera da letto; avevano pertanto sporto denuncia presso il Commissariato, fornendo anche la descrizione del modello dell’autovettura con cui lo sgradito ospite si era definitivamente allontanato, ovvero una Audi.

Quest’ultima informazione si è rivelata molto preziosa per gli agenti, che a seguito di laboriosi accertamenti hanno indirizzato i loro sospetti su B.R., già segnalato per reati analoghi, e non a caso in possesso di una Audi ampiamente corrispondente a quella segnalata dai derubati.
I sospetti si sono poi definitamente concretizzati dopo la visione delle sue fotografie segnaletiche tratte dagli archivi della polizia scientifica: le vittime del furto lo hanno infatti inequivocabilmente riconosciuto.

Nei suoi confronti dunque la Procura della Repubblica di Busto Arsizio ha chiesto ed ottenuto la custodia cautelare in carcere. L’arresto di B.R. costituisce uno dei tangibili risultati operativi del potenziamento dei servizi di polizia mirati al contrasto dei furti in abitazione, disposto anche in previsione delle vacanze estive.

13 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi