Varese

Tagli al fondo per gli affitti, il Sicet scrive a Fontana

Sindacato inquilini della Cisl sul piede di guerra dopo i tagli draconiani di Stato e Regioni per quanto riguarda i contributi per gli affitti. Tagli che metteranno in grave difficoltà anziani e famiglie monoreddito, e che hanno portato il segretario del Sicet di Varese, Ezio Mostoni, a prendere carta e penna e a scrivere al sindaco di Varese, Attilio Fontana.

Mosconi denuncia un “taglio del 93% dei fondi statali destinati al sostegno delle famiglie in difficoltà nel pagamento dell’affitto (solo 1,6
milioni di euro alla Lombardia), nonostante la previsione di uno stanziamento pari a 10,4 milioni di euro della Regione e di 4,8 milioni di euro dei Comuni, si avrà un drastico ridimensionamento di questa importante misura di aiuto, limitandosi ad erogare un contributo minimo solo alle famiglie indigenti, il cui ISEE-FSA sia inferiore ai 4.000 euro”.

Continua indignato Mostoni: “Ciò comporterà che rispetto alle 65.000 domande complessive in Lombardia nel 2011, saranno poco meno di 14.000 quelle coperte dal nuovo Fondo Sostegno Disagio Acuto, escludendo da tale misura la gran parte di anziani con trattamento minimo di pensione o di famiglie costituite da un solo adulto con minori a carico”.

“Pur consapevoli del difficile momento economico e della finanza pubblica in materia di politica sociale e assistenza abitativa – conclude il segretario del Sicet di Varese - riteniamo che ci sia un limite di efficacia sociale di una prestazione di welfare al di sotto della quale non si dovrebbe andare. Le chiediamo pertanto di: indire il bando in conformità alla Delibera della Giunta Regionale, stanziando il 40% dei fondi che saranno ripartiti al Comune dalla Regione; prevedere contributi straordinari comunali per dare copertura agli anziani soli o in coppia, alle famiglie costituite da adulto con minori (con ISEE-ERP superiore a 4.000 ed inferiore a 10.000 euro)  che resteranno escluse dall’FSDA”.

 

12 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi