Varese

Blitz di Goletta Verde all’hotel di Capolago

Hotel Capolago

Grandi punti interrogativi hanno accompagnato questa mattina l’equipaggio della Goletta dei Laghi di Legambiente che, dopo tre anni, è tornato a Capolago per verificare lo stato dei lavori delle opere di compensazione in seguito ai lavori dei Mondiali di Ciclismo del 2008.

Nel 2008, in occasione dei Mondiali di ciclismo, il gruppo Polita ottenne il permesso (dal commissario straordinario Bertolaso) di costruire un grande albergo di ben 78 camere a Capolago.

La costruzione avvenne, come è noto, grazie ad una procedura semplificata in deroga al PRG vigente. In cambio erano previste a carico del costruttore alcune opere di compensazione a vantaggio della collettività: un ponte (o sottopasso) per collegare in sicurezza il rione di Capolago alla pista ciclabile realizzata intorno al lago, un parcheggio a favore della stessa pista, un infopoint e un punto ristoro, una casetta per il noleggio delle bici, un bagno pubblico, un marciapiede, l’illuminazione della via per Bodio.

“Oltre il danno anche la beffa. Di quasi tutte le opere non c’è nemmeno l’ombra – attacca Alberto Minazzi, coordinatore provinciale di Legambiente -. Ci siamo giocati un’area agricola e naturalistica di assoluto pregio per un albergo dalla dubbia utilità e senza neppure che la comunità ricevesse in cambio qualche beneficio. Chiediamo all’amministrazione di rispondere alla domanda che abbiamo posto alcuni mesi fa”.

L’associazione rinnova dunque all’assessore Binelli e a tutta l’Amministrazione Comunale una delle dieci domande che pochi mesi fa aveva già rivolto senza ottenere risposta: “Quali opere di compensazione ha ottenuto concretamente il Comune? Quale effetto durevole ha prodotto la costruzione dell’hotel oltre allo sfregio del paesaggio?”-

12 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi