Varese

Piano anti-rumore, Pdl e Lega litigano in commissione

Continua a mostrarsi fragile e divisa la maggioranza Pdl-Lega al governo della città giardino. Banco di prova, questa volta, il piano di zonizzazione acustica che era stato all’origine di un imbarazzante commissariamento da parte del Pirellone, una figuraccia, invece, per Palazzo Estense. Un piano forse dimenticato nel cassetto che, frettolosamente, avrebbe dovuto approdare in Consiglio comunale per ricevere un sì che, erroneamente, la maggioranza dava per scontato. Ma scontato, come vedremo, non era.

Ormai è evidente il fuoco amico che continua ad essere diretto contro l’assessore all’Urbanistica del Comune, il leghista Fabio Binelli. Dopo averlo “blindato” sul Pgt, con una road map rigida di scadenze e adempimenti, passaggi che si sono rivelati una vera marcia forzata per un Pgt che sempre più appare difficile possa essere adottato entro fine anno, ora è la volta del piano di classificazione acustica presentato ieri sera dall’assessore Binelli in Commissione. Un piano che è stoppato proprio a causa di una serie di rilievi tecnici da parte del presidente della Commissione, il ciellino del Pdl Matteo Giampaolo, assai competente sul tema da un punto di vista professionale.

Non l’ha mandata a dire, Giampaolo, che ha definito il piano Binelli niente meno che “incompleto”, operazione frettolosa che lui non si sentiva di sottoporre al giudizio dell’Aula. E dunque? Al voto la sospensione del provvedimento, per consentire i necessari cambiamenti e le opportune migliorie. Un macigno, l’ennesimo, sull’assessore leghista Binelli, tra l’altro mentre il Tar sta decidendo sul ricorso del Comune contro il commissariamento (attesa in queste ore la sentenza). L’ennesima frattura dentro la maggioranza Pdl-Lega, che appare sempre più in affanno e in procinto di dissolversi definitivamente.

Va così ai voti la decisione di sospendere il piano anti-rumore e di non portarlo in Consiglio giovedì prossimo. Troppo laboriose le modifiche, troppo lunga la revisione del piano, impraticabile in due giorni. Votano a favore della sospensione Pdl e Lega Nord. Ma qui si assiste alla seconda sorpresa: votano con la maggioranza anche grillini e la lista civica Varese & Luisa, cioè due consiglieri di opposizione, mentre hanno votato contro la sospensione i consiglieri di Sel, Rocco Cordì, e del Pd, Andrea Civati.

A questo punto, il piano non sarà nell’odg del Consiglio. Resta il fatto che se la maggioranza piange, le opposizioni non ridono, mostrandosi quanto mai divise e in marcia in ordine sparso.

10 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi