Varese

Pd Varese: per piccoli ospedali la cura hub & spoke

La conferenza stampa Pd a Varese

Il Pd ragiona sui tagli alla sanità contenuti nella spending review voluta dal governo Monti, sulle ricadute sul fronte della nostra provincia. Una riflessione condotta dal consigliere regionale del Pd e vicesegretario regionale Alessandro Alfieri, che parla accanto al segretario provinciale Fabrizio Taricco e il consigliere regionale Stefano Tosi.

Tagli draconiani sulla sanità, che mettono in discussione anche i posti letto. ma non mancano interrogativi. “Da parte del governo si parla di 4000 posti letto che saranno oggetto di tagli – dice Alfieri -. C’è però da domandarsi se i tagli saranno spalmati indifferentemente su  tutto il sistema sanitario oppure  ci sarà una particolare attenzione per i piccoli ospedali”. Entro il 31 ottobre il Patto della salute imporrà di ridurre i posti letto, ma le Regioni saranno libere di tagliarli dove vogliono?

“Crediamo come Pd che i piccoli ospedali debbano essere ripensati, riorganizzati, non chiusi”, sostiene Alfieri. Il modello che propone il consigliere regionale del Pd è la stessa già ampiamente diffuso in regioni come l’Emilia Romagna: il modello hub & spoke, un modello organizzativo caratterizzato dalla concentrazione dell’assistenza a elevata complessità in centri di eccellenza (centri hub) supportati da una rete di servizi (centri spoke) cui i pazienti vengono inviati quando una determinata sogli di gravità clinico-assistenziale viene superata. “I piccoli ospedali non devono essere cancellati – dice Alfieri -, ma devono essere rivisti. In provincia di Varese non possono essere il doppione di ospedali con tecnologie avanzate e tutte le specialità”. Per i piccoli ospedali si deve pensare ad una specializzazione, come lunghe degenze. subacuti, arrivando ad un risparmio di costi.

Una questione che, nel caso di Varese, impone anche attenzione per il Ponte del Sorriso, che rischia di essere un doppione rispetto all’Ospedale di Circolo. “E’ già stata finanziata la sua realizzazione – sostiene Alfieri -, ma il vero problema resta la possibilità che continui ad essere finanziato dopo essere decollato. La Regione deve rispondere se è in grado di continuare a finanziarlo una volta che è partito”.

Il Pd lancia anche una proposta di semplificazione e razionalizzazione dei vertici ospedalieri. “Puntiamo ad una riduzione e semplificazione dei vertici: teniamo presente che ci sono tre aziende ospedaliere nella nostra provincia, Varese, Busto Arsizio e Gallarate -  spiega Alfieri -. La nostra idea è che si possa risparmiare tendendo ad una sola azienda ospedaliera, ad un’unica catena di comando”.

Infine il Pd annuncia un’iniziativa sui ticket sanitari. Il partito di Bersani lunedì presenterà in Regione un ordine del giorno per l’esenzione dai ticket sanitari per chi ha redditi sotto i 30 mila euro, e ticket progressivi per chi ha redditi sopra questa soglia.

7 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi