Laveno

Dal 14 battello per Santa Caterina. Domenica sciopero

Eremo di Santa Caterina

Il 14 luglio ripartirà il servizio estivo di navigazione sul lago Maggiore che collega il bellissimo eremo di Santa Caterina con la città di Laveno. E’ questo l’esito dell’incontro che si è svolto questa mattina in Prefettura a Varese con l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo, il Prefetto Giorgio Zanzi, il direttore generale della Provincia di Varese Claudio Ceriani , le rappresentanze sindacali dei lavoratori della Navigazione Laghi, il direttore generale della Gestione Governativa navigazione dei laghi Maggiore, Como e Garda Oscar Calaprice e il direttore di esercizio della Navigazione Lago Maggiore Massimo Checcucci.

Un incontro che si è svolto per scongiurare il taglio del collegamento. Oltre a trovare una soluzione per garantire tale servizio, l’appuntamento a Villa Recalcati è servito anche per fare il punto della situazione dopo il recupero delle risorse per la navigazione sui laghi e per gli altri servizi speciali, fortemente penalizzati dai tagli ai trasporti voluti dal governo di Mario Monti.

A conclusione dell’incontro soddisfatto l’assessore Raffaele Cattaneo: “E’ un risultato importante per un servizio fortemente voluto del territorio, che consente la piena valorizzazione di una delle bellezze più conosciute del nostro territorio con il suggestivo accesso dal lago”.

Il servizio sarà garantito con 4 coppie di corse il sabato e la domenica fino al 16 di settembre. Il 12 luglio si terrà un ulteriore incontro che riunirà le rappresentanze sindacali e la direzione della Navilaghi che si è impegnata a trovare un accordo per garantire i servizi speciali di navigazione turistica sul lago.

Nel frattempo resta lo sciopero di 24 ore del personale della Navigazione Lago Maggiore proclamato per domenica prossima 8 luglio. La protesta, che interessa tutti i laghi italiani, e che vede nel mirino il taglio dei trasferimenti da Roma, rischia di mettere in ginocchio per una sola giornata il movimento turistico. L’astensione dal lavoro inizia a mezzanotte di sabato e si concluderà a mezzanotte di domenica. Saranno garantite le corse nelle fasce orarie che vanno dalle 6 alle 8,40 e dalle 16,30 alle 19,50.

L’azione è stata proclamata da Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt Uil per protestare contro i tagli varati dal governo che ha più che dimezzato (da 26 a 12 milioni) le risorse che finivano nelle casse della Navigazione Laghi che comprendo oltre al Maggiore anche Como e Garda. Un provvedimento che ha costretto le aziende a diminuire le corse in alcune fasce orarie con grossi disagi anche sulla linea dei traghetti tra Intra e Laveno.

5 luglio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi