Varese

Il Futureshow varesino sorgerà alle Fontanelle

Il lancio del progetto da parte del Pd

Un grande impianto sportivo polivalente, che a Varese possa racchiudere un palaghiaccio, una piscina, ma anche il nuovo stadio. E’ la proposta lanciata oggi dal Pd attraverso le parole del consigliere comunale Giampiero Infortuna, che fa parte della Commissione Sport del Comune. “Le politiche sportive dovrebbero essere per il Comune uno dei punti fondamentali - dice il consigliere -, creando strutture poco impattanti in termini di mobilità”. Un grande tema per Varese,. dove ci sono 150 società sportive che svolgono la loro attività presso una delle 26 palestre che si trovano presso le scuole, per un totale di 19 mila ore annue e coinvolgendo settemila utenti. Una premessa che porta il Pd a lanciare il progetto di un centro sportivo polivalente.

“Sono diverse le criticità – continua Infortuna – sul fronte degli impianti sportivi a Varese. E’ il caso dello stadio, del palaghiaccio, della piscina comunale, del palasport”. Tante strutture sportive che possono essere concentrate in un’unica opera. “Il modello potrebbe il Futureshow Station di Bologna (l’ex Palamalaguti), capace di ospitare iniziative diverse, concerti, mostre convegni, manifestazioni culturali”. Una struttura da sfruttare ogni giorno dell’anno. Per quanto riguarda il luogo in cui una simile realtà potrebbe sorgere, il Pd ritiene che si dovrebbe puntare sulle Fontanelle e utilizzare il sistema del project financing. Una struttura importante, che il Pd vuole ritiene fondamentale inserire nel Pgt in fase di discussione.

Interviene il capogruppo Pd in Comune, Fabrizio Mirabelli. “Abbiamo presente che la maggioranza ha approvato un impianti sportivo che dovrebbe comprendere, dove si trova oggi il Palaghiaccio, la pista di ghiaccio e la piscina comunale che, nel 2014, deve chiudere i battenti”. Un progetto presentato in Commissione dall’assessore allo Sport, Piazza, che per questo progetto ha specificato che richiederebbe un investimento di 10 milioni di euro e un project financing. “Pensiamo però che si debba usare gli occhi del futuro: quale imprenditore privato dovrebbe scendere in campo per un progetto vecchio come questo? Un impianto polivalente, al contrario, potrebbe essere interessante anche per il capitale privato”.

Per Andrea Civati, consigliere comunale del Pd, resta il nodo del Pgt. “Finora nella nella Commissione che si occupa del Pgt, si è parlato della cittadella dello sport, e si è detto che potrebbe sorgere alla Schiranna o alle Fontanelle. Ma poi non se ne è parlato, non si sono analizzate le due ipotesi. Per noi pensare di portare l’impianto in riva al Lago di Varese, significa uccidere definitivamente ogni ipotesi di suo rilancio turistico”.

 

30 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi