Varese

In centro a Varese esplode il tifo azzurro

Non era neppure stata fischiata la fine della partita tra Italia e Germania, che le vie del centro di Varese sono state invase da un tifo rumoroso e appassionato. Una fila interminabile di auto si è formata in via Magenta e proseguiva per piazza Repubblica e via Manzoni: auto imbandierate che, dopo una mezz’oretta, non riuscivano a giungere in piazza Monte Grappa e dunque imbottagliavano la strada.

Le poche auto che riuscivano a passare e ad arrivare in piazza Monte Grappa, letteralmente invasa dai varesini che tifavano Azzurri, venivano sottoposte ad un energico movimento da parte dei tifosi, aggrappati ai lati, qualche volta anche stesi sul tetto.

Guardati a distanza dalla Polizia, i ragazzi presenti in piazza Monte Grappa continuavano a gridare “chi non salta, un tedesco è”, sventolavano i tricolori, lanciavano petardi in mezzo alla strada.

 

- FOTOGALLERY

29 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “In centro a Varese esplode il tifo azzurro

  1. sandro sardella il 29 giugno 2012, ore 10:25

    gioioso giusto l’entusiasmo per la vittoria della nazionale di calcio .. ma fa un pò tristezza e rabbia vedere come senza ne ah ne beh le rovinose muscolose “riforme” sulle pensioni & sul lavoro siano .. passate .. senza una qualche indignazione ..
    manifestata oltre il brontolio .. e pensare che fornero&monti hanno devastato la vita
    di tutti i lavoratori lavoratrici pensionate pensionati precari disoccupati ..
    in questa calura .. una sottile melanconia .. ma .. se l’Italia diventa campione d’Europa .. i rincari etc etc saranno cosa buona & giusta .. ad majora ……………………

  2. bruno belli il 29 giugno 2012, ore 15:53

    Sempre “panem et circenses”, ma, in Roma antica, la distribuzione della farina era gratuita…in questi giorni sono aumentati gas e luce.
    Aveva ragione – sempre – Guicciardini che “se fiderai negli Italiani avrai sempre delusione”.
    Gli Italiani si meritano i governi che hanno, se li sono sempre meritati, tanto non crescono mai.
    Inutile, forse, “combattere”. Preferiscono giocare, ovunque, non solo sui campi di calcio.

  3. ester il 29 giugno 2012, ore 17:21

    Certo se tanto entusiasmo e partecipazione,magari senza petardi,fossero rivolti a ben altre cause molto concrete tipo lotta all’evasione fiscale,alle disfunzioni o ai disservizi a livello locale e non,agli sprechi piccoli o grandi, al controllo di chi ci governa e gestisce risorse pubbliche ecc.,tutto andrebbe meglio e chi ha potere sarebbe meno arrogante e meno corrotto.Ma questa è utopia e si continua così,accettando ingiustizie quotidiane e riscoprendo il sentirci Italiani, tutti uniti,solo x un goal in più,il sogno di una notte.AnnaBiasoli

  4. Rodrigo il 30 giugno 2012, ore 16:29

    Se in Italia avessimo avuto una Merkel ci troveremmo tutti molto meglio.
    I lavoratori ed i pensionati per primi.
    Non serve pontificare in latino, segnare una rete in più o prendersela con Monti o la Fornero. Non ci servono sogni ma realtà.

Rispondi