Lonate Pozzolo

La battaglia di Tornavento tra cappe e spade

Alcuni personaggi della rievocazione storica

Una battaglia che si perde nella notte dei tempi, drammatica, furiosa. La battaglia di Tornavento (Comune di Lonate Pozzolo) è uno degli eventi della Guerra dei Trent’anni, combattuta nel 1636 tra gli Spagnoli che occupavano il Milanese, capitanati dal marchese di Leganes, e l’esercito invasore dei francesi, alleato dei Piemontesi e comandati dal maresciallo di Crequi. Uno scontro terribile che lasciò sul terreno ben duemila morti. Un evento storico che ogni anno viene rievocato negli stessi luoghi che videro la battaglia durata dall’alba al tramonto.

Sabato 30 giugno e domenica 1 luglio, si terrà a Tornavento la XVI Rievocazione storica della battaglia. Una manifestazione che, patrocinata da Regione, Provincia, Comune di Lonate Pozzolo e Parco Lombardo Ticino, richiama ogni anno appassionati e curiosi. Presentata questa mattina a Villa Recalcati, la battaglia viene riproposta dalle associazioni dei Cavalieri del Fiume Azzurro e da quella del Tercio de Saboja, con grande ricchezza di dettagli per quanto riguarda la riproduzione di costumi e armi.

Sabato 30 giugno, in piazza S. Ambrogio a Tornavento, per tutto il giorno si potrà girare tra i mestieri antichi, giochi d’epoca riservati ai bambini, e si potrà assistere alle esibizioni dei “Clerici Vagantes”. Dalle 16,  grande sfilata con gli Sbandieratori di Ferno e con i figuranti del Tercio, cioè i soldati spagnoli che combatterono per bloccare il passaggio dei francesi e dei sabaudi verso Milano, che rimase saldamente in mano spagnola. Sabato sera, alle ore 21, grande sfilata di tutti i gruppi storici, con duelli di cappa e spada.

Domenica 1 luglio, in piazza Parravicino, a partire dalle 11, ancora una sfilata dei gruppi storici che daranno vita ad una scaramuccia, a duelli ed esploderanno colpi di cannone. La vera battaglia viene rievocata, in località vecchia Dogana Austrungarica, a oartire dalle 15.30. Gran finale con il carosello della Cavalleria.

28 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi