Varese

Lago di Varese, dopo un secolo tornano le crociere

Navigare le acque del Lago di Varese, alla scoperta di angoli e suggestioni raggiungibili o visibili solo dalla prospettiva di un barca, per molti cittadini è sempre stato un sogno, per tutti i turisti in visita, certamente sarà un’occasione per portarsi a casa immagini ed emozioni indelebili.

Grazie all’impegno di Villa Recalcati, che ha ideato l’iniziativa, le acque del Lago di Varese torneranno navigabili per tutta l’estate, con una serie di crociere tutte da vivere a bordo di un battello elettrico da 24 posti. L’iniziativa, realizzata con l’aiuto dei Comuni rivieraschi e la collaborazione dell’Agenzia del turismo e che per quest’anno verrà proposto in forma sperimentale, partirà sabato 30 giugno.

L’imbarcazione “Viscontea”, un Aquabus 1010, da 24 posti, alimentato con propulsore elettrico e dotato di un motore ausiliario, effettuerà 5 crociere settimanali, concentrate nei fine settimana, compreso Ferragosto e fino a domenica 30 settembre, con le seguenti cadenze: 2 al sabato pomeriggio e tre la domenica (1 al mattino e 2 nel pomeriggio), seguendo la tratta ad anello Gavirate – Isolino Virginia – Bodio Lomnago – Schiranna – Isolino Virginia – Gavirate, così da offrire l’opportunità ai passeggeri di scendere a terre anche nelle fermate intermedie. Ogni crociera avrà una durata di circa 2 ore e mezza.

“Tornare a navigare il lago di Varese, con mezzi totalmente rispettosi dell’ambiente come quello messo a disposizione da Navigare l’Adda, credo – ha dichiarato l’Assessore provinciale a Turismo e Cultura Francesca Brianza – sia un traguardo emozionante che Provincia di Varese vuole condividere con i sindaci rivieraschi, che davanti all’idea avanzata da Villa Recalcati, hanno risposto con grande entusiasmo offrendo la disponibilità a promuovere i punti di attrattività turistica presenti nei loro comuni; con i cittadini che potranno così tornare a vivere in maniera quasi piena l’ambiente lacuale, anche se per il momento in via sperimentale e limitata ai sabato e alle domeniche estive e con i turisti innamorati della nostra provincia e che di anno in anno, trovano sempre nuovi e ottimi motivi per trascorrere un periodo di vacanza qui da noi. L’amministrazione provinciale crede con convinzione nell’iniziativa e intende sfruttare al meglio questi tre mesi di sperimentazione per poi riproporre e migliorare il servizio”.  Anche la scelta di Gavirate come punto di partenza principale per le crociere non è casuale: “Un punto qualificante della nostra promozione turistica è proprio quello di offrire, ove possibile, l’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’automobile. A Gavirate c’è una stazione ferroviaria non molto distante dal lido e che potrà offrire così l’opzione di abbinare treno – imbarcazione”.

E se Provincia di Varese ha dato impulso alla fase di progettazione e realizzazione delle crociere sul lago di Varese, l’Agenzia per il turismo dovrà giocare una partita importante per il lancio e la promozione dell’iniziativa. “Il Lago è nel cuore di tutti i cittadini della provincia e ha una valenza turistica strategica – dichiara Paola Della Chiesa, direttore Agenzia per il turismo –.  E’ un punto di riferimento per la promozione del turismo green e non a caso nei pacchetti di promozione c’è sempre un richiamo, oltre al nostro lago con le sue bellezze artistiche e ambientali, anche alle piste ciclopedonali e ai grandi eventi di canottaggio che si disputeranno alla Schiranna nel prossimo triennio”. Della Chiesa illustra anche come si svilupperà l’azione promozione delle crociere in questo trimestre sperimentale: “Ci saranno leaflet e locandine mirate in tutti gli Iat, negli hotel e nelle strutture ricettive intorno al lago; i passeggeri poi troveranno a bordo leaflet specifici con info turistiche dei luoghi intorno al lago e a ogni punto di imbarco verranno posizionate bacheche informative del progetto”.

Info biglietti

Il costo del biglietto sarà di 12 euro (10 per gli under 10) e il servizio è gestito dalla consorzio Navigare l’Adda (www.navigareladda.it). Per tutta la durata del servizio sperimentale sarà possibile acquistare i biglietti solo a bordo del battello. Il motivo lo spiegano proprio i gestori del servizio: “Il progetto di navigazione sperimentale sul lago di Varese – dichiara Elena Pipeschi, referente Marketing e Vendite – prevede 4 approdi di Partenza/Arrivo e la nave utilizzata ha una capienza di 24 posti. Il progetto tiene conto del fatto che chi sale in barca debba avere la possibilità di salire e decidere sul momento dove scendere e quanto sostare. Al contempo quindi devono essere assicurati i posti di ritorno a chi sosta in ormeggi intermedi come Bodio, Parco Zanzi (Schiranna) o Isolino Virginia. La gestione prenotazioni da remoto diventa piuttosto complicata, soprattutto per i passeggeri che devono scegliere l’orario di partenza, luogo di discesa e orario di imbarco di ritorno prima di rendersi conto sul luogo di come si articoli l’itinerario. Quindi abbiamo ritenuto opportuno, almeno inizialmente, studiare la tendenza prevalente dei flussi turistici, al fine di organizzare un sistema prenotazioni intuitivo e semplice che tenga conto dei tragitti e orari, richiesti più frequentemente”.

 

 

22 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Lago di Varese, dopo un secolo tornano le crociere

  1. oldrini Romano il 22 giugno 2012, ore 16:12

    Bravi! Finalmente. E nel rispetto dell’ambiente.

Rispondi