Sport

I nipotini italiani di Guglielmo Tell si sfidano a Cardano

Gli organizzatori nella foto di gruppo a Villa Recalcati

Si terrà a Cardano al Campo, presso il Campo sportivo comunale, un evento sportivo di rilevanza nazionale in programma il 30 giugno e l’1 luglio. E’ la prima volta in cui la Finalissima del Trofeo Pinocchio, Tiro con l’arco riservato ai ragazzi di quarta e quinta elementare, oltre che delle tre medie inferiori, si svolge nella Provincia di Varese. La gara è organizzata dalla società “Arcieri Tre Torri”, che ha ricevuto dalla Fitarco (la Federazione nazionale di questo sport) l’incarico di organizzare l’importante appuntamento sportivo under-20.

Questa disciplina, che un efficace slogan definisce “il più antico degli sport moderni”,  in realtà conosce un profondo radicamento sul nostro territorio. Come sottolinea il presidente del Comitato provinciale, Mariangela Casartelli, presente in Provincia per lanciare l’iniziativa, “la nostra provincia ha una vocazione arcieristica consistente, siamo una provincia che esprime campioni di alto livello”. “Siamo orgogliosi – dice Claudio Gabardi, presidente del Comitato organizzatore – di avere avuto questa opportunità che conferma l’importante ruolo sportivo del nostro territorio”.

Saranno 12 i partecipanti alla Finale nazionale, che sono stati selezionati grazie ad un percorso di gare e di manifestazioni. Rimarca l’assessore provinciale allo Sport, De Bernardi Martignoni, che “è un evento importante che coinvolge tanti ragazzi, e che rappresenta un’occasione per diffondere lo sport tra i più giovani”. Per Rocco Putigliano, consigliere delegato allo Sport di Cardano, “un’opportunità preziosa, ospitare ragazzi che sono una speranza per il futuro di questo sport”. Tito Giani, segretario del Coni di Varese, “è bello dirigere i riflettori su uno sport non così popolare come altri”.

Prende infine la parola Leonardo Terrosi, consigliere federale, e dice che “questo evento è importante e, come mi disse un giovane atleta, è l’inizio di un sogno per tanti ragazzi”.

21 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi