Varese

La generazione precaria nel primo romanzo di Santoni

La copertina del volume

Domani mercoledì 20 giugno, alle ore 18.15, presso la Feltrinelli di Varese verrà presentato il libro di Gabriele Santoni, “Aut Aut” (Giulio Perrone Editore).

Un romanzo “generazionale”, che narra di Matteo che, fresco di laurea e militante in un partito politico, trova lavoro in un call-center, ormai emblema di una generazione intera. Poco dopo riesce a inserirsi in un centro di accoglienza per immigrati e come ogni giovane idealista, sente di aver trovato il suo posto in una società che spera di cambiare dall’interno.

Ma il lavoro si rivela presto dequalificante ed è chiaro che si tratta di un impiego precario. Finalmente un amico d’infanzia, Enrico, gli prospetta un significativo salto di qualità introducendolo in una grande azienda che si occupa di energie alternative e con un ruolo di  primo piano, ma il prezzo è chiudere un occhio sui compromessi e le illecità in cui l’azienda è coinvolta. Matteo si trova davanti alla decisione più difficile della sua vita, tradire le proprie idee e dimenticare le speranze in nome di quelle regole del profitto contro le quali ha manifestato per tutta la vita. A guardarlo, senza poter dire niente, Sànyi, immigrato ungherese che ha come unica eredità una storia di silenzio e ingiustizie.

Una scrittura asciutta e consapevole, quella di Gabriele Santoni, che esordisce con un romanzo tonante e attualissimo.

I moderatori della presentazione alla Feltrinelli di Varese, Raffaele Zagaria, fondatore dei Lacuna Coil e autore del libro “Le storie di Alioscia K.” (finalista al Premio Calvino nel 2011),  e Valeria Deste, giornalista del quotidiano “La Provincia di Varese”. Il libro verrà presentato, in seconda battuta, anche sabato 30 giugno, alle 18.30, nell’ambito dell’Albizzate Valley Festival.

19 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi