Varese

Provincia “adotta” 60 ragazzi dell’Emilia terremotata

In Provincia si fa il punto sugli aiuti

Ricostruire una scuola e ospitare per una vacanza un gruppo di 100 studenti colpiti dal terremoto. Sono queste due della molteplici iniziative messe in campo da Provincia di Varese per dare un aiuto concreto alle popolazioni colpite dal terremoto. Giunta, consiglieri, Protezione civile sono impegnati a rispondere ai reali bisogni che emergono nei paesi terremotati.

“Il quadro preciso non c’è ancora – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Dario Galli – ma ci siamo subito messi a disposizione anche per contribuire a soddisfare le esigenze più stringenti. Oltre a quelle già avviate e diffuse, in questi giorni abbiamo deciso di offrire ospitalità per 80 studenti più gli accompagnatori, provenienti 60 dall’Emilia e 20 mantovani, per un periodo di vacanza nella nostra provincia. A questa iniziativa stanno lavorando l’Assessore all’Istruzione Alessandro Bonfanti e il direttore dell’Agenzia per il Turismo Paola Della Chiesa. Stiamo anche individuando la possibilità di ristrutturare una scuola con le medesime modalità con cui abbiamo costruito due scuole in Abruzzo e poi, grazie all’impegno dell’Assessore Gianfranco Bottini, riusciremo a portare le aule prefabbricate, riscaldate e condizionate, utilizzate dal liceo artistico di Busto, proprio a Mirandola. Ringrazio poi Whirlpool per la pronta risposta, in quanto l’azienda ha donato 20 lavatrici che consegneremo ai campi di accoglienza di Moglia e Mirandola”.

A coordinare tutte le iniziative della Provincia di Varese è l’Assessore alla Sicurezza e Protezione civile Massimiliano Carioni: “I primi aiuti li abbiamo già consegnati nei giorni scorsi. Abbiamo portato al campo di Mirandola una tenda polifunzionale e 20 condizionatori per l’ospedale da campo. La nostra Protezione civile, a fine luglio, coordinerà poi tutte le operazioni del campo di Mirandola. La risposta dei nostri cittadini è stata straordinaria, ma colgo ancora l’occasione per ricordare a tutti coloro che volessero dare il proprio contributo di coordinarsi con Provincia di Varese”.

Come accaduto per l’Abruzzo, il contributo maggiore che Provincia di Varese darà per ricostruzione è mirato alle scuole. “Sono proprio i più giovani quelli che hanno subito in maniera più forte il trauma del terremoto – ha spiegato l’assessore provinciale a Formazione professionale e Istruzione Alessandro Bonfanti – Per questo abbiamo deciso di muoverci con una doppia iniziativa. Da un lato l’ospitalità per un soggiorno sereno per un gruppo di studenti e per questo abbiamo anche subito attivato il nostro Ufficio scolastico territoriale, dall’altro l’impegno di recuperare una scuola danneggiata dal sisma. Oltre ai moduli didattici prefabbricati, i quali verranno portati e montati in Emilia quanto prima”.

Sull’accoglienza sta lavorando anche l’Agenzia per il Turismo. “Saranno turisti un po’ speciali e faremo di tutto per far sì che questo soggiorno sia il più sereno possibile. Organizzeremo gite, appuntamenti ed esperienze culturali e sportive per donare loro anche un po’ di spensieratezza. Vorrei anche sottolineare l’eccezionale sensibilità degli operatori di settore, i quali mi hanno già fatto pervenire il loro assenso e la disponibilità a ospitare i ragazzi nelle loro strutture”.

Tra le iniziative messe in campo in questa gara di solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite dal sisma, anche due camper della Protezione civile per due week end in 8 piazze della provincia di Varese per una raccolta fondi per le popolazioni del mantovano e dell’Emilia. E’ questa l’iniziativa proposta dai consiglieri provinciali e subito sposata anche dagli assessori, i quali raccoglieranno personalmente i contributi economici dei cittadini. I camper saranno presenti sabato 16 giugno, dalle 14 alle 19, piazza Santa Maria a Busto Arsizio e piazza De Cristoforis a Sesto Calende; domenica 17 giugno dalle 10 alle 13, piazza Mazzini a Tradate e nel parcheggio del centro commerciale Il Gigante a Somma Lombardo. Sabato 23 giugno, dalle 14 alle 19 Varese e Luino; domenica 24 giugno dalle 10 alle 13 Cassano e Saronno. “E’ stato per noi importante, in rappresentanza di tutte le forze politiche, attivarci concretamente per dare il nostro contributo – hanno dichiarato il Presidente del Consiglio Provinciale Luca Macchi e la Vicepresidente Luisa Oprandi – Provincia di Varese davanti a questa tragedia e in un momento difficile ha voluto dare una risposta decisa, ma soprattutto di squadra. Ognuno ha dato il proprio contributo”.

Oltre alla raccolta nelle piazze Provincia di Varese ha attivato un conto corrente ad hoc. Chi intende quindi devolvere un aiuto economico attraverso Provincia di Varese, come per altro già fatto per altre emergenze, può farlo con un versamento a BANCA POPOLARE DI BERGAMO Sede di Varese, intestato a Provincia di Varese (Terremo 2012) IBAN – IT 89 A 05428 10801 000000005716.

 

16 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi