Varese

Arrivano i vigili ciclisti. Contro questuanti e writers

Due vigili ciclisti ai Giardini Estensi

Potrà accaderci, nel corso della settimana, di vedere gli agenti della Polizia locale di Varese all’inseguimento di giovani questuanti, piccoli venditori di fiori ai semafori. Per strade e viuzze questi saranno potranno essere inseguiti da vigili in sella a veloci mountain bike. E’ il nuovo servizio, come dice il Comandante della Polizia locale, Antonio Lotito, “di prossimità nei confronti dei cittadini, sostenibile e a costo zero perchè ogni attrezzatura è stata coperta da privati”.

Un nuovo servizio che, oltre ai questuanti, che al comandante Lotito e all’assessore leghista alla Polizia Locale, Carlo Piatti, sembrano un grave problema per la città, si occuperà dei writers, ragazzi che, con la scusa dell’arte, imbrattano i muri della città. E che si danno alla fuga appena scoperti da vigili o polizia.

Al momento il servizio è composto da due vigili a cavallo di due bici, ma l’assessore Piatti assicura che presto si incrementeranno. Alla presentazione del nuovo pattugliamento era presente anche il segretario generale del Comune, Filippo Ciminelli, che sottolinea come “l’idea sia sorta proprio dagli agenti della Polizia locale”. I vigili ciclisti terranno sotto controllo, nel corso della settimana, le vie del centro cittadino, mentre per il weekend si sposteranno alla ciclabile.

15 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti a “Arrivano i vigili ciclisti. Contro questuanti e writers

  1. sandro sardella il 15 giugno 2012, ore 16:26

    ‘sti cavoli di politici cos’hanno per la capa crapa pelada .. ?? .. i vigili col carro armato VOGLIAMO! .. i questuanti(?!) .. i writer sono i prloblemi della città ..
    le parolacce ormai servono a poco .. però .. fanno veramente schifooooooooooooo
    … … cervello/i umanamente .. piatti .. altro che grillini .. qui ci vogliono i panzerottini ..

  2. Andrea Civati il 15 giugno 2012, ore 16:44

    Mi chiedevo se questi bikers/vigili inseguiranno anche i writers con la tessara leghista in tasca…?
    Così, un dubbio ingenuo che mi piacerebbe l’Assessore Piatti chiarisse. Il quale ha sempre taciuto rispetto alla nota vicenda dei writers padani.

  3. Vice Patrini il 15 giugno 2012, ore 17:39

    E speriamo che servano anche a dare le multe ai macchinoni in sosta selvaggia, visto che gli ausiliari del traffico, per contratto, possono multare solo le auto dentro le strisce blu e col tagliando scaduto.

  4. ombretta diaferia il 15 giugno 2012, ore 18:09

    come riconosce i writer un vigile ciclista?
    e se i writer vengono definiti dai politici “ragazzi che, con la scusa dell’arte, imbrattano i muri della città”, i nostri amministratori si possono considerare “ragazzi che, con la scusa della politica, costruiscono muri nella città”?

  5. cittadinosuperpartes il 16 giugno 2012, ore 19:08

    Sono rimasto stupito, idea nuovissima che non e’ mai passata nella mente di nessuno, geniale e’ lo spostamento di fine settimana sulla ciclabile.Vedremo quanto durera’ questa mirabile trovata.

Rispondi