Varese

Con Cassani Villa Recalcati mantiene la promessa

Da sinistra, Gualdoni, Brianza, Cassani, Della Chiesa, Bifulco

Non accade tutti i giorni che si mantengano le promesse, tanto più quando di mezzo ci sono politici. Sta accadendo a Villa Recalcati, dove ieri è stata presentata la quarta mostra, dedicata a Nino Cassani, viggiutese, classe 1930, nell’ambito del ciclo “Scultori a Villa Recalcati”. Il vernissage di questa nuova mostra è previsto per sabato 16 giugno, alle ore 18, presso la sede della Provincia, e segue le altre tre mostre dedicate a Giò Pomodoro, Giancarlo Sangregorio e Vittorio Tavernari. A chiudere la serie, curata da un critico di prestigio, già direttore dei Civici Musei di Varese, come annunciato ieri, Maria Cristina Carlini, artista dai rapporti con gli Usa. Poi viene il bello. Dato che questo ciclo darà vita, il prossimo anno, ad una mostra permanente en plein air nei giardini di Villa Recalcati.

Con Cassani, che ieri ha presentato una rassegna che comprende sue opere nell’atrio e in una sala della Provincia, oltre che all’aperto, abbiamo la possibilità di aggirarci nella produzione, ben selezionata da Gualdoni, di un maestro che, come ha detto l’assessore alla Cultura, la brava Francesca Brianza, “si richiama idealmente alla tradizione degli scalpellini viggiutesi”. La Brianza ha sottolineato, con una punta d’orgoglio, questo triennio di mostre, rimarcando come un itinerario coerente venga a concludersi lasciando in eredità una collezione permanente nella bella cornice dei giardini della Provincia.

A sottolineare il forte nesso, in termini di attrattività, tra arte, cultura e turismo, ci ha pensato Paola Della Chiesa, direttrice della Agenzia provinciale del Turismo.”Una promozione del territorio – ha detto la Della Chiesa – che portiamo avanti attraverso l’attrattiva di un territorio di grande bellezza, ma anche attraverso protagonisti come Cassani, che portano il nome di Varese nel mondo”.

E’ poi venuta la volta di Gualdoni, che con grande competenza ha illustrato i caratteri “arcaici” della scultura di Cassani, sottolineando l’importanza di un percorso artistico di decenni che la mostra riassume con intelligenza. Tra l’altro vanno segnalati i cataloghi delle mostre di questo ciclo, curati da Flaminio Gualdoni, ma con un contributo intelligente di Mauro Carabelli. Cataloghi piccoli e ben fatti, con interventi di gente che sa di che cosa parla (fatto decisamente non scontato, visto cosa gira a Varese). Ha infine preso la parola il cavaliere Bifulco, che con i suoi volontari dell’Actl contribuirà alla buona riuscita dell’iniziativa.

Per chi volesse conoscere meglio il ciclo www.scultoriavillarecalcati.it

 

 

 

 

13 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi