Castiglione Olona

Castiglione Olona, Palio dei Castelli al via

Un momento del Palio dei Castelli

Giunto alla sua XXXVII edizione, il Palio dei Castelli di Castiglione Olona è prossimo al via il 29 giugno con alcuni elementi di novità. Tra i più importanti è la ricorrenza di fondazione della Pro Loco di Castiglione Olona, che compie quarant’anni. Un’occasione che, secondo gli organizzatori, in particolare il suo presidente Roberto Cristofoletti, deve garantire l’impeccabilità di uno delle manifestazioni più gettonate in provincia di Varese.

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Palio che si è svolta a Villa Recalcati gli interventi del Sindaco di Castiglione Olona Emanuele Poretti, dell’Assessore provinciale alla Cultura Francesca Brianza, del Direttore dell’Agenzia del Turismo Paola Della Chiesa, del Presidente della Pro Loco Roberto Cristofoletti, hanno voluto sottolineare il primato storico e culturale dell’Isola di Toscana in Lombardia, sempre più colonna portante dell’area più vasta di quell’antico Contado oggi al centro dell’attenzione internazionale per via dell’iscrizione di Castelseprio nella lista del Patrimonio Mondiale.

Colonna portante del territorio anche per lo spirito collaborativo delle varie realtà locali, delle istituzioni, delle associazioni e in particolare dei rioni dell’antico borgo che, con il coordinamento della Pro Loco, rendono da decenni inossidabile e sempre innovativo il Palio.

Il tema storico narra ancora una volta le vicende del Cardinale Branda Castiglioni. I particolare del suo incontro con Filippo Maria Visconti, uomo dedito all’arte divinatoria. Sarà proprio uno degli Oroscopi creati a corte a indurre il Duca a rompere la fragile pace: l’esercito milanese subirà una vergognosa sconfitta e la perdita di molte terre in quella che sarà tristemente ricordata nei libri di storia come “Battaglia di Maclodio”.

Il Palio di quest’anno narra quanto sia facile per l’uomo affidarsi alla superstizione piuttosto che cimentarsi con la ragione. Altro affascinante capitolo della storia plurisecolare che caratterizza Castiglione Olona ed il suo Cardinale. L’intento della manifestazione, come ogni anno, sarà proprio quello di divulgare la storia che caratterizza il Borgo.

Da luglio si vivranno dunque due settimane intense, arricchite da rappresentazioni, sfilate e giochi. Due settimane nelle quali, grazie allo stand gastronomico, pronto a servire specialità a tema e a tanta buona musica, tutti i curiosi avranno modo di trovare soddisfazione. Per le varie serate della manifestazione nel parco del Castello di Monteruzzo si esibiranno molti noti gruppi musicali. Anche nei più piccoli si è poi diffusa la voglia di partecipare: sintomatico è infatti l’aumento dei ragazzi che parteciperanno alla storica Corsa dei Cerchi durante la prima domenica di luglio. Nuovi e giovani atleti si vedranno anche nella Corsa delle Botti, affascinante competizione che contradistingue il Palio. Il rione che dominerà l’avvincente gara vincerà l’ambito drappo “pallium”, dipinto dall’artista gornatese Giovanni Femia, che ha realizzato il Palio a Parigi, città in cui vive. Va segnalata la collaborazione con Favolandia, nuova associaione castiglionese che allestirà uno spazio ludico per bambini nel parco di Monteruzzo durante le domeniche.

Il parco di Monteruzzo, vero e proprio ombelico della manifestazione ospiterà molte iniziative come la mostra “Ri-scoprendo la Pro Loco” che ripercorrerà i momenti fondamentali della quarantennale associazione locale; e quella personale dell’artista Giovanni Femia e, infine l’iniziativa “Disegna il Palio”. L’evento culminerà con lo show pirotecnico e con la drammatizzazione finale a cura dell’Associazione culturale Teatro Elidan.

Il Palio, sicuramente il più importante del Varesotto per quanto riguarda storia e tradizione, si scoprirà ancora una volta veicolo di promozione turistica per il territorio provinciale.

 

12 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi