Varese

Ecofeste 2012, premiate le sagre amiche dell’ambiente

Sono 12 le Pro Loco che beneficeranno dei contributi messi a disposizione dalla Provincia di Varese all’interno del bando Ecofeste, progetto di riduzione dei rifiuti prodotti in occasione di sagre e feste popolari, che giunge quest’anno alla quarta edizione consecutiva. I 30.000 euro stanziati dalla Provincia andranno a copertura dei costi necessari per rendere ecocompatibili le feste popolari, quali l’acquisto di stoviglie e posate lavabili, di lavastoviglie, di cestini per la raccolta differenziata, l’attivazione di adeguati strumenti di comunicazione, ecc.

Rispetto alle 3 edizioni precedenti, i parametri di ammissione al bando sono divenuti più stringenti: il primo anno era consentito anche l’utilizzo delle stoviglie compostabili in Mater Bi al pari delle stoviglie lavabili, per le Ecofeste del secondo anno, le stoviglie compostabili potevano essere usate per un massimo di 2 portate (tra cui il primo o il secondo), mentre a partire dal 2011 le stoviglie lavabili sono le sole ad essere ammesse e da quest’anno il noleggio delle attrezzature è progressivamente scoraggiato, a favore dell’acquisto delle attrezzature.

Le Ecofeste 2012 quindi presenteranno unicamente dotazioni lavabili, che, acquistate una volta, assicureranno la possibilità di svolgere feste popolari per anni e di continuare a fare festa, ma non a spese dell’ambiente.

“Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato al bando – ha dichiarato l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Varese Luca Marsico – perché attraverso il loro impegno riusciamo a veicolare un messaggio molto importante ai cittadini. Ci siamo infatti resi conto che parlare direttamente alla gente, anche in momenti di convivialità come le feste o le sagre di paese, ci permette di dare forza al messaggio e di favorirne la ricezione e la traduzione pratica di quel che si vuol raggiungere. In materia di differenziata abbiamo raggiunto, grazie ai cittadini, risultati di eccellenza. Abbiamo superato quota 59% e siamo la seconda provincia in Lombardia e l’11° in Italia”.

Ecco il calendario delle ecofeste che si svolgeranno a livello provinciale: L’ECORISOTT D’ALBIZÀ (Albizzate); CENA MARNATESE (Marnate); ECOFESTA (Venegono Superiore); IL RISOTTO IN VILLA (Gazzada Schianno); FESTA AL LAGO (Cadrezzate); FESTA E CENA MEDIEVALE (Somma Lombardo); MALNATE PER BACCO (Malnate); FESTA DELLA ZUCCA (Gavirate); CASTAGNATA (Cuvio); ECOMINCIAMODACAPO3.AZZIO (Azzio); PALIO DEI RIONI 2012 (Travedona Monate); CARAVARTE ARTE & MESTIERI mercatino, castagnata (Caravate).

Tra queste manifestazioni le Ecofeste di Gazzada Schianno e Travedona Monate si candidano per la prima volta, beneficiando del punteggio suppletivo concesso dal Bando 2012 alle new entry; inoltre le Ecofeste che partecipano ormai da 3 anni ricevono il 50% dei contributi richiesti, mentre le Ecofeste al primo ed al secondo anno beneficiano di un contributo superiore, pari all’80%.

Nell’edizione 2009 le Ecofeste partecipanti al Bando sono state 11, numero che è salito a 20 nel 2010, 24 nel 2011, fino a giungere alle 26 del 2012, numero ottenuto sommando alle 12 ecofeste principali altre 14 feste minori, che le Pro Loco partecipanti si sono impegnate a realizzare con le stesse modalità organizzative dell’ecofesta principale, beneficiando di un punteggio ulteriore. Complessivamente saranno più di 21.000 i commensali che prenderanno parte alle Ecofeste 2012.

Il bando Ecofeste è una delle principali iniziative di riduzione dei rifiuti messe in campo dalla Provincia di Varese, con l’obiettivo di creare una presa di coscienza generalizzata della necessità di adottare comportamenti virtuosi per affrontare i problemi ambientali e per sollecitare un cambiamento di mentalità. Le manifestazioni pubbliche sono infatti una grande opportunità di educazione ambientale in piazza, in quanto consentono di avvicinare numerose famiglie al problema della crescente produzione dei rifiuti ed alla pratica quotidiana della separazione degli stessi, al risparmio energetico e alla salvaguardia dell’ambiente, e tutto ciò all’interno di momenti di grande convivialità, di cui la Provincia ha deciso di premiare il lato di salvaguardia ambientale.

Per vincere la sfida della riduzione dei rifiuti i promotori si impegnano a formare gli addetti al servizio, anche attraverso la nomina di un “Responsabile operativo della gestione rifiuti”, a sensibilizzare la Cittadinanza mediante materiale informativo sulla riduzione e la raccolta differenziata degli scarti prodotti e anche a destinare gli avanzi a canili e gattili o aziende agricole e le eccedenze alimentari che a fine festa presentano ancora un’elevata qualità ad Associazioni caritatevoli presenti sul territorio.

Il progetto ormai è davvero ambizioso perché punta in maniera esclusiva sulla riduzione dei rifiuti, vera priorità secondo le direttive europee e nazionali, oltre che sulla raccolta differenziata. Infatti, la raccolta differenziata dei rifiuti prodotti durante le sagre è un elemento valutato come obbligatorio nella tabella dei punteggi che portano alla stesura della graduatoria e quindi all’attribuzione del contributo provinciale.

La riduzione invece è il vero valore aggiunto, che implica un cambio operativo nella gestione della sagra, che non può essere improvvisata ma che dev’essere studiata e pianificata dagli organizzatori, per arrivare preparati di fronte alle migliaia di partecipanti che le Ecofeste varesine annualmente attirano. Certo, per i volontari la logistica può apparire complicata; l’attenzione al rifiuto che si produce può essere considerata azione inutile e faticosa, da chi, quasi sempre gratuitamente, mette a disposizione il proprio tempo libero per la realizzazione di feste estive, ma superare il problema è solo una questione di volontà e di organizzazione.

Le edizioni precedenti ed il confronto che annualmente la Provincia mantiene aperto con le Pro Loco dimostrano che la strada della riduzione è possibile e praticabile, e viene accolta con grande soddisfazione dai commensali, ai quali fa un indubbio piacere poter gustare le specialità locali in piatti di ceramica e sorseggiare del buon vino in un bicchiere di vetro!

Le parole d’ordine sono quindi lavare e riutilizzare: il bilancio ambientale diventa immediatamente favorevole anche considerando l’acqua e l’energia per il lavaggio.

Ecco ora qualche dettaglio allettante sulle singole ecofeste

L’ECO RISOTT D’ALBIZA’ – ALBIZZATE

Risotto con la luganiga, cucinato nella pentola del Guinness, larga alcuni metri, tanto che per mescolare il risotto i cuochi della Pro Loco usano dei remi, e che viene servito in una ciotola di pane o di pasta di pizza all’interno della bella piazza di Albizzate: ecco quel che promette l’Ecofesta di Albizzate, in programma il prossimo 16 giugno. A chi non volesse perdersi i preparativi e la cerimonia di cottura del risotto, consigliamo di essere ad Albizzate almeno a metà mattina.

CENA MARNATESE – MARNATE

La “Cena Marnatese” si svolge nel bellissimo prato dell’ex stazione di Marnate, situata nel fondo valle. Verrà proposto un menù costituito esclusivamente da piatti tipici lombardi. I ragazzi e ragazze serviranno ai tavoli indossando costumi della tradizione lombarda e alcuni volontari prepareranno la polenta nel paiolo di rame . la cena verrà allietata dal gruppo musicale lombardo “I CANTAMILANO”. La cena utilizzerà stoviglie di ceramica, bicchieri di vetro e posate in acciaio. Sulla tavola non sarà presente alcun materiale “usa e getta” e nemmeno plastica e il messaggio che si vuol veicolare è che è possibile riscoprire le tradizioni anche utilizzando gli stessi materiali di una volta.

ECOFESTA AL PARCO PRATONE – VENEGONO SUPERIORE

Una due giorni di cucina gustosa, che quest’anno proporrà ai commensali i maialini alla sarda allo spiedo, accompagnati da un primo a sorpresa e dall’immancabile grigliata di carne, questa la promessa dell’ecofesta di Venegono al Parco Pratone. La domenica i laboratori di pasta, giardinaggio e formaggio completeranno il pomeriggio.

IL RISOTTO IN VILLA – GAZZADA SCHIANNO

È da 15 anni che va in scena la “Risottata”, nel Parco di Villa de Strens, sede del Comune: qui viene preparato il risotto in una pentola gigante, seguito da secondi alla griglia, il tutto condito da intrattenimento musicale

FESTA AL LAGO – CADREZZATE

Organizzata dalla Pro Loco di Cadrezzate, torna la storica “Festa al Lago 2012 – cucina, natura e divertimento” la manifestazione di maggior successo per questo paesino sulle rive del Lago di Monate. Questa festa è una perfetta opportunità per assaggiare alcune fra le specialità della nostra terra (formaggina, polenta e stufato, ravioli di pesce…) e piatti sfiziosi, come lo stinco e il fritto misto, il tutto potendo godere dello spettacolare panorama di uno dei laghi più puliti d’Italia. Le quattro serate (dal 27 al 30 luglio) saranno accompagnate come sempre da gruppi musicali che impegneranno i veterani del paese in balli lisci come nelle migliori tradizioni, per poi sfoggiare in seconda serata repertori più movimentati e divertenti per i più giovani”.

FESTA E CENA MEDIEVALE – SOMMA LOMBARDO

Nella prestigiosa cornice offerta dal Castello Visconti di Somma Lombardo, la Pro Loco offrirà un vero assaggio di vita medievale, con sfoggio di costumi ed esibizioni di falconieri, che dal pomeriggio porteranno all’evento clou della giornata, ovvero la cena medievale. L’edizione 2012 presenta le seguenti novità: coinvolgimento di artigiani e piccoli produttori: lo scopo è quello di realizzare un mercato medievale che sia effettiva occasione di compravendita di prodotti locali e tipici, con mastri vasai, realizzatori di fischietti in legno, produttori di saponi biologici dalla cenere, formaggiai, salumai, fornai e produttori di biscotti “artigianali” con farina macinata a pietra, apicoltori, commercianti di prodotti ortofrutticoli, cardatori e filatori della lana, maniscalchi e fabbri; giostra medievale. Attraverso il coinvolgimento di alcuni gruppi di equitazione e di rievocazione storica, quest’anno si rappresenterà per la prima volta una giostra medievale con i cavalieri che si sfideranno in prove di abilità e destrezza; realizzazione di nuove strutture coreografiche. Si realizzeranno strutture e bancarelle in legno che richiameranno le tradizionali bancarelle in uso nei mercati medievali. Verranno realizzati nuovi vestiti per le comparse. Saranno realizzati nuovi “complementi” al Castello Visconteo per meglio ricreare le atmosfere medievali anche attraverso la realizzazione di nuove e più coreografiche strutture che prevedranno l’uso di stoffe colorate e di stendardi; mostra Vestiti Medievali. Sulla base del consolidato rapporto di collaborazione con le contrade di Legnano, l’impegno per quest’anno verte nella realizzazione di una mostra di vestiti più ampia ed a tema, attraverso il coinvolgimento non di una sola contrada, ma di tutto il Consiglio dei Capitani del Palio di Legnano; riscoperta degli antichi mestieri. Si realizzeranno stand e aree dedicate alla riscoperta degli antichi strumenti utilizzati nel mondo agricolo e rurale del medioevo lombardo. Saranno inoltre presenti da quest’anno delle aree e delle iniziative dedicate all’intrattenimento dei nostri ospiti più piccoli attraverso la realizzazione di una piccola area presentante animali da cortile (papere, galline, asini, pecore, capre, ecc…) e di uno stand presso il quale i bambini realizzeranno scudi e spade in legno, opere pittoriche e piccoli lavoretti, sempre di carattere medievale. Il menù che gli ospiti potranno gustare, partecipando, su prenotazione, alla cena medievale che si terrà nel parco del castello a partire dalle ore 19:00 sarà il seguente: Antipasto: Mazzeto di fagiolini con pancetta; frittatina alle erbe fini; crostoni di pane con patè di fegato; polpettine; salame. Primo: Zuppa di farro ed orzo. Secondo: Stinco arrosto con contorno. Dolce: Sbrisolona con grappa. Anche quest’anno, per chi non volesse aderire alla cena nel parco, sarà possibile cenare presso la Locanda, dove sarà possibile trovare stinchi con patate fritte, panini con salamella, fritti misti di pesce, patatine fritte e molto altro ancora.

MALNATE PER BACCO

Rassegna eno-gastronomica di alto livello, che vede la partecipazione, ai fornelli dell’Ecofesta, dei migliori ristoranti della zona, che si alternano nel corso delle numerose serate proponendo menù ricercati. Il tutto condito da intrattenimenti musicali e serate culturali.

FESTA DELLA ZUCCA 2012 – TRADIZIONE E MESTIERI

La manifestazione si terrà anche in caso di cattivo tempo: cucina, ristorante e salone mostre sono infatti al coperto. Apertura mostre 10.00-19.00 – Stand gastronomico ore 12.00 30 SETTEMBRE Associazione Panificatori della Provincia di Varese: dimostrazione, mostra di pane artistico mostra storica, distribuzione pane. Presentazione disinfestazione ecologica e falconeria moderna. Castagnata. Mostra micologica a cura del Gruppo Cral Whirlpool. Esposizione zucche, trattori d’epoca, vecchi attrezzi agricoli. Artigianato veneziano e sculture in legno. Ore 12.00 ricchissimo stand gastronomico con ravioli, risotto, gnocchi, tortelli, torte e creme, tutto a base di zucca. Vendita torte,ravioli e gnocchi mantovani. Ore 15.00 concerti ed appuntamenti musicali. Presentazione dei prodotti tipici della Provincia di Varese. 7 OTTOBRE: Associazione Panificatori della Provincia di Varese: dimostrazione, mostra pane artistico mostra storica, distribuzione pane. Zucche e frutta con l’Associazione “I buoni frutti”. Castagnata del CAI GAVIRATE. Mostra micologica a cura del Gruppo Cral Whirlpool. Esposizione zucche, trattori d’epoca vecchi attrezzi agricoli. Artigianato veneziano e sculture in legno. Ore 12.00 ricchissimo stand gastronomico con ravioli, risotto, gnocchi, tortelli, torte e creme, tutto a base di zucca. Ore 15.00 esibizione di musica popolare dal nord al sud d’Italia. Vendita torte, ravioli e gnocchi mantovani. Laboratori dimostrativi del giocattolo riciclato. Presentazione dei prodotti tipici della Provincia di Varese. 14 OTTOBRE: Associazione Panificatori della Provincia di Varese: dimostrazione,mostra pane artistico mostra storica, distribuzione pane. Mostra micologica a cura del Gruppo Cral Whirlpool. Artigianato veneziano e sculture in legno. Esposizione zucche, trattori d’epoca, vecchi attrezzi agricoli. Castagnata. Zucche e frutta con l’Associazione “I buoni frutti”. Ore 12.00 ricchissimo stand gastronomico con ravioli, risotto, gnocchi, tortelli, torte e creme tutto a base di zucca. Ore 15,00 spettacolo di canti, poesie e vecchi mestieri. Vendita torte, ravioli e gnocchi mantovani. Presentazione dei prodotti tipici della Provincia di Varese. Ore 17.30 premiazione delle zucche partecipanti al concorso.

CASTAGNATA – CUVIO

Da 55 anni la Castagnata di Cuvio attira grandi e piccini grazie al ricco menù, a base di pizzoccheri, sfilatini alla crema al cioccolato, castagne cotte magistralmente, il tutto animato dal mercatino di scambio per i bambini e dalla numerosa partecipazione delle scuole.

ECOMINCIAMODACAPO3.AZZIO

Quest’anno l’azione principale che verrà promossa in occasione dell’Ecofesta è il lancio del servizio di ritiro e recupero di oli vegetali esausti prodotti dalle famiglie, attraverso la dotazione a tutte le famiglie di contenitori idonei in cui i cittadini potranno tenere l’olio prima del suo conferimento nei punti di raccolta. A questo progetto, che sarà presentato durante la festa “ecominciamodacapo3.azzio” partecipa anche il Comune di Azzio ed è organizzato in collaborazione con la Ditta Salmoiraghi specializzata in questo settore, la quale sarà presente in quell’occasione con un suo stand. Ulteriori azioni scelte: esposizione dei lavori degli alunni della scuola primaria di Azzio, eseguiti nell’ambito del progetto COREPLA a cui la scuola ha aderito; laboratori didattici e ludici a tema per i bambini; dimostrazioni pratiche sul riutilizzo degli avanzi di cucina; bancarelle di prodotti della terra a cura di produttori locali. La manifestazione, che si terrà nel Parco della Pro Loco, sarà così articolata: laboratorio sull’acqua: Il laboratorio, rivolto ai bambini per la fascia d’età compresa fra i 5 a 10 anni, ha l’obiettivo di far comprendere ai bambini attraverso giochi di movimento, l’importanza dell’acqua per la vita di tutti i giorni e di sensibilizzarli sulle differenze esistenti nel rapporto con l’acqua in base al posto dove si vive,approfondendo anche l’interazione ( a volte critica e problematica ) tra l’uomo e gli ecosistemi acquatici. Il laboratorio sarà gestito dal CAST di Laveno Mombello. Laboratorio di cucina: dimostrazione pratica sul riutilizzo di avanzi di cucina. Esposizione manufatti eseguiti dagli alunni della scuola primaria di Azzio, nell’ambito del progetto COREPLA, sul tema del riclico della plastica. Sarà inoltre possibile effettuare visite guidate a:Antica ghiacciaia, recentemente restaurata, accompagnata dalla degustazione di vini; Caseificio Azienda agricola “Al MULINO” realizzato in paglia, primato nazionale, in cui viene prodotto il formaggio di capra; bancarelle di prodotti della terra: Mele, Castagne, Miele e loro derivati a cura di produttori locali; concorso a premio di allestimento scenografico di zucche e prodotti autunnali degli orti di Azzio. Gastronomia: la gastronomia sarà basata su prodotti di stagione, per cui si potranno gustare: ravioli di zucca,  pasta al sugo di funghi, arista di maiale alle mele cipolle, strudel, frittelle di mele. I laboratori e le visite guidate saranno organizzate nell’arco della giornata in orari da definire.

PALIO DEI RIONI – TRAVEDONA MONATE

A 30 anni dall’ultima edizione la ProLoco di Travedona Monate ripropone il “Palio dei Rioni”. La manifestazione si svolgerà in due fasi: nel mese di giugno i 6 rioni del paese (Cantun d’ure noch/Mulini, Centro Paese, Chiossetto/Monti, Fornacette/Lago, Monate, Villaggio Ignis/Faraona) si affronteranno in diverse sfide, che decreteranno la griglia di partenza per il gran finale del Palio, che si svolgerà il 7 ottobre, in occasione della Festa patronale di San Vito. Da venerdì 15 a domenica 17 giugno il paese sarà quindi animato da giochi per grandi e bambini. Si comincia venerdì sera con la camminata paesana non competitiva: un percorso di 4 km tra le vie di Travedona, cui potrà prendere parte l’intera popolazione; sullo stesso percorso, si affronteranno poi 4 partecipanti per ciascun rione, in una gara, questa sì, con finalità agonistiche. Nella giornata di sabato 16, a partire dalle 16:00, la manifestazione proseguirà con simpatiche gare, tutte da svolgersi nei pressi della Roggia, ruscello fuoriuscente dal Lago di Monate che attraversa il paese. Per l’occasione la Roggia verrà popolata di trote che dovranno essere pescate durante la prima gara della giornata: la pesca alla trota. A seguire, i rioni si sfideranno nella gara delle barchette, ovvero una breve regata di piccole imbarcazioni totalmente artigianali nelle acque del ruscello, in parte sotterraneo. A partire dalle 21:30, i rioni si daranno nuovamente battaglia sulla pista da ballo: accompagnati dall’orchestra Parsifal, i concorrenti si sfideranno in una gara di ballo. Durante queste due serate sarà in funzione il gustoso stand gastronomico della ProLoco con risotto alla milanese, gnocchetti al sugo, salamini, hot dog, patatine e acquadelle fritte. Inoltre si potrà tentare la fortuna al banco di beneficienza della Parrocchia. Domenica 17 dopo la S. Messa per le celebrazioni di San Vito, si potrà prendere parte all’aperitivo in piazza offerto dalla Pro Loco e allietato dalla banda musicale di Mornago. I festeggiamenti si sposteranno quindi in oratorio per un lauto pranzo. A seguire riprenderanno le sfide dal sapore nostalgico: il tiro alla fune per mostrare i muscoli, la gara di biglie e la gara di dialetto. Al termine delle gare verrà comunicata la classifica che sarà poi utilizzata per il Palio del 7 ottobre, dove quattro concorrenti per ogni rione si sfideranno nella storica corsa delle torrette di legno, una gara spettacolare fatta di agonismo e fatica. Il paese è dunque chiamato a raccolta per riportare agli antichi fasti una manifestazione che manca dalle vie travedonesi da ormai 30 anni: un impegno che la ProLoco si è assunta per fare del Palio dei Rioni di Travedona Monate un evento imperdibile della stagione estiva nella Provincia di Varese.

CARAVARTE – CARAVATE

Caravarte, manifestazione alla sua 3° edizione come Ecofesta organizzata dalla Pro Loco di Caravate, prevede l’esposizione di “oggetti d’autore” , antichi strumenti di lavoro forniti dagli abitanti del paese e prodotti tipici Caravatesi, quali formaggi, marmellate e frutta sciroppata. La polenta, di produzione locale, sarà il piatto forte del giorno, mentre nel pomeriggio castagne a volontà, accompagnate dalle frittelle di mele e succo d’uva, faranno da cornice alla premiazione del concorso fotografico riservato ai giovani. Per i più piccini laboratorio di ceramica. Il tutto all’insegna del marchio “ ECOFESTA” dove vetro e plastica sono banditi, acqua e vino distribuiti in caraffe di vetro, piatti bicchieri e posate rigorosamente lavabili; le tovagliette pubblicizzeranno l’iniziativa.

 

11 giugno 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi