Varese

Zanzi colloca una nuova pianta a Villa Mirabello

La cerimonia ha visto, da sinistra, Claudio Modigliani, Zanzi, Clerici e Attilio Mentasti, inventore del premio

Una pianta bella e preziosa ha trovato nuova dimora ai giardini che si trovano sulla salita che da piazza della Motta conduce a Villa Mirabello. Una pianta orientale, che dall’Oriente si è portata dietro una dolce metamorfosi di colori: le foglie diventano rosse, poi verdi e, giunto l’autunno, assumono un tenue colore giallo. Sembra di stare in un’opera di Tanizaki o in un disegno di Hokusai. La pianta si chiama Cercidiphyllum Japonicum, detta anche Katsura.

Con una breve cerimonia iera una Katsura è stata piantata a ricordo del riconoscimento “Lumen Claro” 2012, un premio assegnato una volta all’anno a importanti personalità da parte del Lions Club Varese Prealpi, a partire dal 1989. Un premio serio, come dimostra l’elenco dei premiati, che appare privo di nomi di politici, ma, soprattutto, di ministri in carica. Quest’anno il riconoscimento è andato ad un bel personaggio varesino, molto controverso, e non amatissimo dai politici, il botanico Daniele Zanzi. E proprio qui, come ricorda Zanzi, ritorna una Varese che spesso oggi ricordiamo con nostalgia. Questo lembo di verde fu sottratto alla speculazione da un amministratore lungimirante, Lanciotto Gigli, assessore comunista alle Finanze, che al termine dell’ultimo conflitto mondiale acquisì alla città, per 220 milioni, questo polmone verde, sfidando chi lo criticava aspramente. Ma come: spendere nel verde e non per costruire case popolari?

In un angolo di questo polmone verde c’è ora la bella pianta orientale, che Zanzi ha voluto piantare per ricordare il premio riccevuto e di cui si prenderà cura lui stesso. “E’ il primo esemplare che si potrà vedere nei nostri giardini pubblici – dice Zanzi -. E voglio in questo modo tornare ad una bella tradizione della nostra città, quando si piantavano alberi a ricordo di eventi e personaggi”. Accanto a Zanzi, con la pala in mano, c’è anche l’assessore comunale alla Tutela Ambientale, Stefano Clerici, che raccoglie lo spunto e dice: “Zanzi è un grande professionista, uno dei nostri cittadini illustri. E questa buona consuetudine va davvero reintrodotta e penso possa essere introdotta nel nuobo Regolamento del verde pubblico”.

20 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Zanzi colloca una nuova pianta a Villa Mirabello

  1. Fausto Gambaro il 20 maggio 2012, ore 20:19

    Congratulazioni Dott Zanzi per il riconoscimento ricevuto, e della felice reintroduzione di una pratica che dovrebbe estendersi a tutta la provincia di Varese

Rispondi