Castellanza

Elcon a Castellanza, funzionari del Pirellone in Israele

Dopo Casalpusterlengo, ora Castellanza: la Elcon ha presentato un nuovo progetto per insediarsi in Lombardia. Per questo domani pomeriggio il consigliere del Pd Alessandro Alfieri sarà a Castellanza per partecipare alla manifestazione ciclo-pedonale promossa dal comitato “Valle Olona respira” per dire no all’insediamento di un nuovo impianto di smaltimento di rifiuti chimico-farmaceutici presso il polo chimico ex-Montedison.

La società israeliana ha infatti presentato al Comune e alla Regione un progetto analogo a quello depositato nel 2011 a Casalpusterlengo e poi ritirato per la contrarietà di cittadini e istituzioni, per insediarsi nell’area.

“Alla luce della giustificata preoccupazione della popolazione locale ho presentato, insieme al collega Stefano Tosi, un’interrogazione per chiedere all’assessore regionale spiegazioni soprattutto di ordine procedurale. Infatti il progetto, anche se già presentato, non risultava ancora pubblicato sul Sistema Informativo Lombardo per la Valutazione di Impatto Ambientale – dice Alfieri – . Inoltre risultava che un dirigente di Regione Lombardia si fosse recato in Israele a visitare l’impianto Elcon prima ancora della presentazione ufficiale del progetto”.

Un primo risultato dell’interrogazione del Pd è stato l’aggiornamento del Sistema Informativo che ora riporta una sintesi del progetto. “Adesso la Giunta deve darci precise risposte sulla visita dei suoi funzionari in Israele – continua Alfieri – Senza voler essere prevenuti, le precauzioni e le preoccupazioni sono legittime alla luce del precedente nella bassa Lodigiana e del fatto che l’area dell’ex polo chimico castellanzese sia un territorio che ha già subito pesanti contaminazioni per la presenza di un’industria ad alto impatto ambientale. Regione Lombardia ora faccia la sua parte, verifichi rigorosamente e con la massima trasparenza il progetto presentato e ascolti con attenzione i cittadini, le associazioni e le amministrazioni locali”.

18 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi