Varese

L’artista-star Bill Viola rilancia Villa Panza

Il video-artista Bill Viola

Un grande artista statunitense, ma anche una star del circuito artistico e mediatico planetario. Bill Viola è tutto questo, ma è capace, davanti ad un cellulare che suona mentre sta parlando nel salone di Villa Panza, di sorridere e dire: “beautiful music”. Interviene personalmente, insieme alla moglie, fotografa e collaboratrice Kira Perov, alla presentazione della mostra “Reflections”, 11 videoinstallazioni montate a Villa Panza a cura della moglie. Una parte al primo piano e una parte alle Scuderie. E’ arrivato a Varese e ora ascolta, con un mezzo sorriso, gli interventi che si succedono.

Una mostra, quella dedicata a Viola, costata fatica a Villa Panza (un anno e mezzo di preparazione), diretta da Anna Bernardini. Una mostra bella e necessaria per rilanciare il bene del Fai che sorge sul colle di Biumo, che negli ultimi mesi ha conosiuto una fase non brillantissima. Questo evento rilancia Villa E Collezione Panza. Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo Fai, apre la presentazione della mostra. Dice che, secondo lui, Villa Panza non è più sola. “Da un paio d’anni sento di meno l’isolamento”. E’ sempre qualcosa “che sta là in alto”, ma ora inizia ad essere considerata, dai varesini, un po’ una cosa loro. Prendono la parola la contessa Giovanna Panza (“il pensiero di Viola è profondo e spiritualissimo”), e poi i due assessori alla Cultura presenti, del Comune, Longhini, e della Provincia, Brianza.

Arriva il sindaco di Varese, Attilio Fontana, che saluta e dice: “Amo molto Villa Panza”. E’ la prima volta che lo si vede, una scelta apprezzabile, quella di intervenire.

Interviene la moglie di Bill Viola, Kira Perov, per la quale “la videoinstallazione è un lungo viaggio”, e si sofferma sulla presenza dell’acqua nei video del marito. “Una porta che introduce in un’altra vita, e indica trasformazione, resurrezione”. Dopo la Perov, parla Salvatore Settis, consigliere Fai, per anni direttore della Normale di Pisa, grande nemico del ministro Bondi. Un intervento coltissimo, che tende a ricostruire le presenze di arte classica dentro le videoinstallazioni dell’artista statunitense: Giovanni Bellini, Antonello, Pontormo.

E’ poi la volta della star, l’artista che vive da anni a Long Beach, California. Paradossale che proprio lui si scagli contro “l’arte divenuta sinonimo di business”, citando la vendita all’asta del quadro “L’Urlo” di Munch. Evoca l’arte delle caverne, che immortalava strumenti di lavoro, per dimostrare che “arte e tecnologia sono sempre coesistite”. Parla del valore dell’ispirazione, dell’idea del mistero, di raggiungere la vetta. Un bric à brac fascinoso e ricco di immagini, che l’artista enfatizza con il movimento delle mani, facendo la gioia dei tanti fotografi presenti in sala.

Poi si parte per visitare la mostra, videoinstallazioni seminate per la Villa di Biumo, percorsi veri, falsi percorsi: geniale quello che, con le frecce, costringe il visitatore a passare per il corridoio con le opere di Dan Flavin, Robert Irwin, Maria Nordman e James Turrell. I visitatori si perdono, guardano, poi tornano alla mostra di Viola, scendendo da una scaletta teatrale, per quanto è antica e stretta. Le immagini scorrono sui maxi schermi. In particolare bello il gigantesco trittico nella Scuderia Grande, con una donna che partorisce e una che muore.  Percorso suggestivo, mostra tutta da vedere con tempi lunghi. Villa Panza torna ad essere quella che era con il Conte vivo, che, passando per i giardini, discuteva con noi giornalisti sulla democraticità dell’arte. Bei tempi, bei tempi davvero.

 

 

11 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “L’artista-star Bill Viola rilancia Villa Panza

  1. ombretta diaferia il 14 maggio 2012, ore 05:52

    visti i risultati di questo week-end, Bill Viola è un vero rilancio di Villa Panza – FAI!
    ma non solo: questa settimana mi son chiesta per ben tre volte “ma sono a Varese?”. una di queste era tra la stanza tre e la quattro!

    imperdibile (anche per chi lo conosce già) la bella summa 1970-2005.
    complimenti nuovamente al FAI!

Rispondi