Regione

L’Imu resti ai Comuni. Sì del Pirellone a mozione Pd

L’Imu rimanga interamente ai Comuni: è la richiesta che il Consiglio regionale della Lombardia avanza al governo dopo la votazione a larga maggioranza di una mozione presentata dal Partito Democratico.

Il documento, che il Presidente dell’Assemblea porterà all’attenzione del Consiglio dei ministri, come da dispositivo, chiede anche di modificare il patto di stabilità interno escludendo le spese per investimenti prioritari, come ad esempio la messa in sicurezza delle scuole dal rischio idrogeologico.

La mozione, inoltre, chiede alla Giunta di aumentare il plafond per il patto di stabilità territoriale tra Regione e Comuni rispetto alla dotazione del 2011.

Esprime soddisfazione Alessandro Alfieri, primo firmatario della mozione: “l’Imu – spiega il vicesegretario regionale del Pd – deve diventare un’imposta realmente municipale mantenendo l’intero gettito sul territorio, a fronte della riduzione dei trasferimenti dallo Stato. Questo è il modo più concreto per far partire il federalismo fiscale. Al contempo il patto di stabilità deve essere corretto, perché i comuni lombardi oggi hanno in cassa sei miliardi di euro di residui passivi che vorrebbero poter spendere per alcune opere prioritarie e indifferibili e non possono farlo”.

9 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi