Politica

Fontana a “In onda”: aumento Imu o servizi tagliati

Il sindaco Attilio Fontana

Insieme al giornalista Oscar Giannino e al sindaco di Bari, Michele Emiliano, c’era il sindaco di Varese, Attilio Fontana, alla tramissione “In onda” condotta, su La7, da Luca Telese e Nicola Porro. Una puntata dedicata all’Imu, ai tagli agli enti locali, alle tragedie di chi non può più pagare. Il sindaco Fontana si collegava in diretta da Varese e ha ribadito problemi e incertezze relative al futuro. Una partecipazione, quella di Fontana, che sconta, nei primi minuti, un problema di audio, che viene subito superato e Fontana può intervenire.

Fontana ha subito ribadito la sua posizione circa la protesta fiscale proclamata dal Carroccio: “Non sono d’accordo con questa iniziativa se le conseguenze vanno a cadere sui cittadini, che già stanno vivendo una situazione molto difficile”. Per quanto riguarda l’Imu, il primo cittadino di Varese dichiara che “le proiezioni fatte dal governo sull’introito Imu, sbaglia per eccesso del 30%”. Una cifra sovrastimata, dice Fontana, che se non corretta produrrà a luglio “una situazione di crisi di cassa”. In concreto quanto mancherebbe, chiedono da studio. “Se non avremo incassi e i trasferimenti saranno ridotti, ci saranno 9 milioni e mezzo in meno”.

Continua Fontana: “Abbiamo tutto il tagliabile, sport, cultura, da due anni non assumiamo un dipendente”. Dice Fontana che, a questo punto, l’alternativa è secca: “O aumentiamo le aliquote Imu oppure procediamo al taglio di servizi essenziali per i cittadini”.

Per il sindaco di Varese, “sono ancora tanti i centri di sprechi, che non vengono mai toccati da nessuno, né centrodestra, né centrosinistra”. Da studio chiedono perchè non tagliare le Province, difese dal Carroccio. “Una scelta pià demagogica che reale – risponde Fontana -. Una scelta che ci farebbe risparmiare dai 150 ai 200 milioni di euro all’anno, una cifra che equivale al costo della politica”. Un esempio: i costi della sanità che, in certe Regioni, dice Fontana, “sono un delirio”. E poi le Regioni a statuto speciale, intollerabili nei momenti di crisi.

 

 

5 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Fontana a “In onda”: aumento Imu o servizi tagliati

  1. Ernesto Malnati il 7 maggio 2012, ore 10:53

    Gli stipendi dei dipendenti comunali?
    E i compensi dei “tecnici”?
    Mi sembra che sulle cifre pubblicate dalla stampa (ad esempio oltre € 140.000,00 per l’avv. Carrasi) ci sia qualche spazio per limare!
    Forse è più semplice aumentare il costo dei parcheggi e di atre tariffe e minacciare sempre il taglio dei servizi ai soliti anziani e disabili che, stando alla affermazioni del sindaco, vengono ogni volta tirati in ballo per giustificare gli aumenti.

Rispondi