Varese

Il Pd guarda al centro e con l’Udc affronta l’Imu

Palazzo Estense

Domani a Palazzo estense sarà lanciato un documento sul tema dell’Imu a Varese, la controversa tassa sugli immobili varata dal governo Monti. Un tema che, per qualcuno, è già diventato un cavallo di battaglia. E’ il caso del Carroccio, che con Maroni ha sostenuto la necessità di uno sciopero fiscale, di un no al pagamento della tassa sulla casa. Una campagna che ha già portato qualche sindaco lumbard a prendere le distanze.

Ma ormai la questione-Imu è al centro dell’azione di tutte le forze politiche. In un appuntamento organizzato, domani sabato 5 maggio, presso il Comune, sull’Imu a Varese sarà presentato un documento in proposito. Saranno presenti interlocutori certamente interessanti: il capogruppo Pd in Comune, Fabrizio Mirabelli, il consigliere comunale Luca Conte, il segretario del Pd varesino, Roberto Molinari. Ma insieme agli esponenti del partito di Bersani, sarà presente anche Ennio Imperatore, capogruppo dell’Udc in Comune. Pd e Udc, dunque, hanno condiviso e sottoscritto un documento critico nei confronti della nuova tassa sulla casa.

Un ticket interessante, quello che domani debutterà nella conferenza stampa convocata congiuntamente. Pd e Udc insieme potrebbero riservare qualche sorpresa per il futuro. E profilare una diversa alleanza rispetto ad oggi, lasciando da parte le forze di sinistra e guardando al centro di Pierferdi Casini.

 

 

 

4 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Il Pd guarda al centro e con l’Udc affronta l’Imu

  1. Varesino incazzato il 4 maggio 2012, ore 22:15

    Ma il Pd ci sta prendendo per scemi? Un anno fa si presenta con Sel, Idv e ora punta al centro. Siamo stufi di questa politica dei mille forni.

  2. La velina democratica il 5 maggio 2012, ore 21:00

    Caro “Varesino incazzato”, è ormai da tempo che qualcuno nel PD punta tutto su un’alleanza con l’UDC.

    Già sulle colonne di questo giornale era apparsa la notizia di una “cena segreta” Mirabelli, Molinari e Imperatore. (http://www.varesereport.it/2011/12/10/lattivismo-delludc-punta-a-nuove-maggioranze/).

    E’ evidente che la dirigenza del PD a Varese si diverte ancora con bizzantinismi strategici da prima repubblica, definiti in camera caritatis attorno ad un tavolo. Se poi effettivamente la militanza è d’accordo o meno poco conta. Non si contano ormai più gli episodi in cui queste dinamiche si sono ripetute.

    Da oggi, è altresì evidente che la dirigenza del PD a Varese considera l’esperienza elettorale dell’anno scorso ormai acqua passata.

    Vuoi un consiglio? Disilluditi. Con una dirigenza così, il PD a Varese è ormai muffo da tempo.

Rispondi