Varese

Liberalizzazioni, all’Insubria ne parla Ranci Ortigosa

Il professor Pippo Ranci Ortigosa

“Liberalizzazioni: verso un Paese più moderno?” è il tema del terzo incontro organizzato dalla “Fondazione Giovanni Valcavi per l’Università dell’Insubria” domani giovedì 3 maggio, alle ore 17, nell’Aula Magna dell’Università dell’Insubria, via Ravasi 2, a Varese. L’argomento di estrema attualità sarà approfondito da un noto economista, il professor Pippo Ranci Ortigosa, professore di Politica Economica all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, già presidente dell’Autority per l’Energia.

“Il professor Ranci Ortigosa è uno studioso esperto di tematiche dell’economia delle utilities;  la sua lectio sarà l’occasione di affrontare il tema degli effetti attesi sulla competitività del Paese dei recenti interventi di liberalizzazione dei mercati e dei servizi, tema di scottante attualità, e di interesse largamente diffuso, ormai non soltanto tra gli “addetti ai lavori”, ma in genere per l’opinione pubblica” spiega la professoressa Rossella Locatelli, membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione.

La terza lettura sarà l’occasione anche per conferire i Premi di Laurea e le Borse di Studio messi a bando dalla Fondazione Giovanni Valcavi nei mesi scorsi. Beneficiari delle tre borse di studio, del valore complessivo di ben dodicimila euro ciascuna (4mila euro per ciascuno dei tre anni di corso), riservate a matricole del corso di Laurea triennale in Fisica della Facoltà Scienze Matematiche Fisiche e Naturali di Como, residenti fuori dalla provincia di Como, sono due giovani di Varese: Gabriele Bottaro e Antonella Pugliese e un ragazzo della provincia di Lecco, Simone Fiorello di Cesana Brianza.

Saranno conferiti anche i premi del valore di millecinquecento euro ciascuno destinati a laureati magistrali delle Facoltà di Economia e di Giurisprudenza della sede di Varese, che abbiano discusso una tesi di laurea sulle tematiche del diritto dell’economia, dell’analisi economica del diritto o del diritto e della regolamentazione degli intermediari e dei mercati finanziari, e abbiano ottenuto una votazione non inferiore a 100/110.

Agli avvocati e ai dottori commercialisti partecipanti saranno riconosciuti tre crediti formativi.

2 maggio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi