Varese

Coloured Swing Band in concerto per aiutare l’Unicef

La Coloured Swing Band

La mortalità infantile è una delle piaghe peggiori per una società che si ritiene evoluta e rispettosa dei diritti umani. Lo è tanto più se si considera che in molti casi è possibile intervenire a tempo debito con cure in grado di promuovere un’adeguata prevenzione. Come accettare, perciò, l’amara realtà di statisti che che fissano a circa 22 mila al giorno il numero dei bimbi al di sotto dei cinque anni che muoiono nel mondo per cause facilmente rimuovibili (polmonite, malnutrizione, morbillo, malaria, aids, diarrea)? Non è possibile, occorre mobilitarsi. Come sta facendo Unicef, con la sua campagna “Vogliamo zero”, che fa tappa anche a Varese con un concerto della Coloured Swing Band, in calendario alle ore 21 di sabato 12 maggio al Cinema Politeama di piazza XX settembre.

La Coloured Swing Band, composta da una ventina di elementi, propone brani del genere swing ispirandosi alle esecuzioni originarie delle orchestre di Count Basie, Duke Ellington e Glenn Miller. Formatasi a Comerio nel 2005, la band si è affermata con un fortunato concerto per il Memorial Battisti alle Messaggerie Musicali di Milano ed è ormai conosciuta per le sue performance. Abbiamo avuto modo di apprezzarli ed applaudirli più volte.

Il concerto  di Varese è organizzato dal Comitato provincialeUnicef, in collaborazione con il Comune di Varese ed il patrocinio della Provincia di Varese e di Confesercenti. L’incasso verrà destinato alla campagna Unicef, che si propone appunto la lotta alle malattie infantili nelle zone più povere del mondo. “L’Unicef – si legge nella presentazione della campagna – lavora per porre fine a queste morti perché non c’è tragedia più grande della morte di un bambino. Salvare le vite dei bambini è possibile, possiamo farlo col tuo aiuto”.

Il biglietto, al costo di 10 euro, potrà essere acquistato anche in prevendita presso il punto di incontro Unicef di via Como 28 a Varese (tel. 0332.238640; orari 9-12 e 15-18).

29 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi