Lettere

Giannantoni per Clerici

Caro Direttore, debbo ringraziarla, come spesso mi accade di fare, per la puntualità e la completezza dell’informazione (commento compreso), circa le “imprese”, mi auguro in solitaria, dell’assessore comunale Clerici a cui suggerirei

nella sua sfrenata campagna propagandistica, dai profili francamente inaccettabili se non addirittura provocatori, di completare l’opera (dopo il masso in Città Studi a Giovanni Gentile e la prossima targa al Colle Campigli) con la posa di altre targhe-ricordo sul cancello d’ingresso del Collegio Sant’Ambrogio (ora Università)  sede nel 1944 della Scuola Allievi Ufficiali della Gnr “in memoria” degli eroici rastrellamenti alla Gera di Voldomino (12 fucilati) e in Val Cannobina (Ossola), davanti alla Villa Triste in via Dante “in memoria” delle truci imprese dell’Upi-Gnr, alle Bettole dove il 7 ottobre 1944 furono massacrati proprio dai reparti degli Allievi Ufficiali Gnr,  Ghiringhelli, Copelli, Trentini, tre giovanotti in pantaloncini corti della formazione partigiana “Lazzarini”.

Se in futuro fosse necessario, sono a disposizione per l’indicazione all’assessore di nuovi itinerari. Senza più fiato, con cordialità

Franco Giannantoni

27 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Giannantoni per Clerici

  1. Stefano Clerici il 27 aprile 2012, ore 21:22

    Caro Giannantoni, prenda fiato e si riposi, ne ha bisogno.
    Chieda lumi al signor Sindaco, il quale mi ha personalmente chiesto di occuparmi della targa, su richiesta del signor Giovanni Zappalà.
    La aspettiamo lunedì 30 aprile: potrà leggere sulla targa un doveroso omaggio alle vittime dei bombardamenti alleati (inglesi e americani). In quell’occasione – converrà con me, essendo lei un grande storico – perirono 99 varesini.
    Il signor Giovanni Zappalà (il quale non credo abbia la tessera del Fronte della Gioventù in tasca, o almeno così mi dicono) ci ha chiesto di attivarci per rendere omaggio a 99 civili morti sotto le bombe.
    Non erano partigiani (ma d’altronde non tutti lo erano, almeno fino al 45), è vero, ma solo civili. Quindi non meritano una targa e un fiore?
    I miei omaggi.

  2. cittadino superpartes il 28 aprile 2012, ore 11:35

    QUELLO CHE STUPISCE IN QUESTE PAGLIACCIATE COMMEMORATIVE, PER DAR VISIBILITA’ E MATERIA DI DISCUSSIONE ORMAI SUPERATA, AD UN ASSESSORE CHE TRA L’ALTRO NON SA FARE NEMMENO QUELLO, CI SIA L’AVVALLO DEL SINDACO. NEMMENO IL SUO PREDECESSORE IL FASCISTISSIMO FEDERICONI SI E’ SPINTO IN QUESTE IMPRESE, FORSE PERCHE’ VISSUTO E SPETTATORE IN QUELLA EPOCA, DI QUESTE RIDICOLE PRATICHE DI FACCIATA.I 99 MORTI RICADONO ANCORA SULLA COSCIENZA DI CHI QUELLA GUERRA VOLLE SENZA NEMMENO AVERNE I MEZZI PER COMBATTERLA MANDANDO IL POPOLO INTERO ALLO SBARAGLIO.

Rispondi