Regione

Mozione Bacchetta, slitta per l’interruzione del Consiglio

Interrotto il Consiglio di ieri

Nulla da fare per Alexandra Bacchetta. Ieri il Consiglio regionale della Lombardia avrebbe dovuto affrontare una mozione urgente che, presentata dall’assessore Cattaneo, era stata ampiamente condivisa da tutti gli schieramenti e sottoscritta dai consiglieri regionali eletti sul nostro territorio.

In sciopero della fame da 23 giorni, l’imprenditrice chiede che le siano dati i fondi del risarcimento che le spetta dopo che un violento nubifragio del luglio 2009 le ammalorò il relais Cà dei Santi. La mozione depositata ieri al Pirellone avrebbe dovuto attivare un intervento straordinario attingendo ai fondi della legge regionale 20 del 2011.

Ma un duro intervento da parte del consigliere Idv Zamponi relativo alle inchieste che di questi giorni riguardanti politici regionali, ha portato i consiglieri del Carroccio ad abbandonare l’aula. E’ così mancato il numero legale, e la mozione riguardante la Bacchetta non è stata messa ai voti. A questo punto slitterà alla prima seduta del mese di maggio, l’8 maggio, quando la richiesta di un intervento in favore della donna varesina dovrebbe vedere accendersi il semaforo verde. Intanto l’imprenditrice prosegue lo sciopero della fame per protesta.

18 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi