Politica

Lega Nord, Maroni alla “guerra termonucleare globale”

Roberto Maroni

Un’indiscrezione che lo ha mandato su tutte le furie. L’ex ministro Maroni va in guerra contro chi, nel Carroccio, avrebbe preparato un dossier contro di lui. L’indiscrezione sarà pubblicata dal settimanale Panorama, in edicola giovedì 19 aprile. “Dopo quello che ho sentito inizia una guerra termonucleare globale. Io voglio sapere, anzi, pretendo di sapere, se davvero qualcuno all`interno della Lega mi ha spiato e ha addirittura ordinato un dossier su di me, voglio e pretendo di sapere chi lo abbia fatto”, ha detto Maroni commentando la notizia secondo la quale dal gennaio scorso l`ex tesoriere Belsito stava preparando un dossier contro l’ex ministro leghista. 

“Sia chiaro: non mi fermerò fino a quando gli eventuali colpevoli non saranno cacciati. Altrimenti – ha aggiunto Maroni – me ne andrò via io: non resterò un minuto in più se, una volta accertate le responsabilità, non se ne andranno tutti i colpevoli. A tutti i livelli. E pazienza – ha concluso – se dovessi scoprire altre amare verità, se cioè dovessi scoprire di essere stato tradito da un amico o da un presunto amico: non ci saranno sconti per nessuno”.

Il settimanale racconta in un lungo servizio come l`ex tesoriere Francesco Belsito, dal gennaio scorso abbia incaricato un detective privato genovese che avrebbe guidato delle indagini su vita e affari dell’ex ministro dell’Interno. All’attezione dei detective privati le barche di Maroni. Nella loro indagine i detective avrebbero puntato su tre natanti, che per loro si potevano ricondurre a Maroni: un catamarano e due motoscafi. Maroni replica: ”Non c’è nulla di segreto e di meno che limpido”.

18 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Lega Nord, Maroni alla “guerra termonucleare globale”

  1. Ezio Aletti via Facebook il 18 aprile 2012, ore 16:21

    speriamo che i “colpevoli” non vengano trovati…e che a questo punto Maroni mantenga la parola e se ne vada….

  2. Protassio Virtussio il 18 aprile 2012, ore 17:00

    Se non c’è nulla da nascondere, di che cosa bisogna avere paura?
    Se non ci fossero notizie compromettenti, l’uscita del “dossier” avrebbe solo l’effetto di screditare chi lo pubblica.
    Se invece ci sono scheletri nell’armadio, mo ssso ccazzi!
    Anche Maroni fuori dai maroni?

Rispondi