Politica

Elezioni, Acli di Varese contro partito dell’astensione

La presidenza delle Acli provinciali di Varese prende posizione, con un documento, sulle vicine elezioni amministrative che interessano anche diversi Comuni della nostra provincia, dove si svolgeranno le elezioni per eleggere il sindaco e rinnovare i Consigli comunali.

Dice il documento aclista: “Stiamo vivendo tempi difficili, provati da una grave crisi economica e sociale iniziata cinque anni fa, resa in questi ultimi tempi ancor più preoccupante dagli scandali che investono la politica e accentuano la sfiducia nei partiti da parte dei cittadini. La distanza tra la politica e la società civile è un dato reale che nelle ultime consultazioni elettorali ha determinato un crescente fenomeno di astensionismo”.

“Le Acli – continua il documento – invitano i propri iscritti e tutti i cittadini residenti nei comuni nei quali si voterà a non rifuggire nell’astensionismo e ad esprimere le proprie scelte in modo consapevole, sereno e positivo, per partecipare responsabilmente alla gestione del “bene comune” più prossimo, quello della comunità nella quale si vive. Ci spinge a questo impegno anche la nostra presenza sul territorio, il contatto con i cittadini attraverso i nostri servizi e l’azione di promozione sociale, il riferimento ai nostri valori fondativi delle fedeltà al lavoro, alla democrazia, al Vangelo che ci indicano le priorità con le quali fare discernimento di uomini e di programmi”.

Le Acli di Varese richiamano le principali priorità, sulle quali costruire il filo conduttore che guida l’indicazione e l’orientamento aclista:

SOLIDARIETA’ – con un idoneo e concreto impegno nel settore dell’intervento sociale, per le crescenti situazioni di bisogno, per l’inserimento lavorativo, con iniziative di sostegno e sviluppo per il lavoro e le attività economiche;

DIRITTO ALLA CASA – assumendosi l’impegno a confrontarsi con i dati reali del divario economico tra offerta e domanda di abitazioni a canone sociale e ad impegnarsi con politiche ed interventi diretti e coordinati per una risposta dimensionalmente adeguata;

INTEGRAZIONE ED ESPRESSIONE CULTURALE – cessando le strumentalizzazioni e dando positiva risposta all’attuazione dei diritti costituzionali di libertà di culto e di associazione per le minoranze, attivando percorsi positivi di integrazione e responsabilizzazione delle comunità minoritarie. Favorendo la cultura come espressione e crescita dei cittadini tutti e non solo come occasione di “consumo” e visibilità;

RESPONSABILITA’ – con un’azione amministrativa che parta dalla individuazione di priorità di spesa e di gestione commisurata a questi aspetti ed ai problemi presenti.

I VALORI della democrazia e della SOLIDARIETA’ non possono essere dati per scontati e banalizzati. Devono tradursi in atti concreti nell’amministrare.

Concludono le Acli di Varese: “Per questo auspichiamo che il rinnovamento amministrativo attraverso il voto partecipato e responsabile dei Cittadini possa condurre ad UNA CITTÀ RESPONSABILE ED ACCOGLIENTE PER TUTTI”.

18 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi