Varese

Al via Cortisonici, il festival con più mordente…

Decollo ufficiale, ieri pomeriggio, dei Cortisonici, il festival più amato dai varesini. E, com’è ormai consolidata tradizione, i ragazzi terribili della rassegna corta varesina hanno dato vita, presso il Teatro Santuccio di Varese, all’aperitivo cortisonico.

Un momento di festa, al quale hanno partecipato gli organizzatori, in primis il trio Lazza Lazzaroni, Ale Leone e Gibilaro, ma anche i filmaker che stanno partecipando a Cortisonici Lab. E poi c’erano gli amici del festival, tanti giovani varesini che attendono con ansia il concorso e l’Inferno, che quest’anno si preannuncia da leccarsi i baffi.

Al taglio del nastro non è voluto mancare neppure il sindaco Attilio Fontana, che è arrivato all’ultimo momento per gustarsi un aperitivo e offrire il avero alla mitica Martinelli new look (un po’ pidiellino, ad essere sinceri) che ha donato al primo cittadino la spilletta del festival.

Intanto ieri sono partite anche le sezioni del festival: per la sezione Videoclip la giuria composta dai selezionatori di Cortisonici e dallo staff del progetto NotturnoGiovani ha assegnato il premio a “Non voglio te”, che aveva alla regia la bella e brava Lucia Bulgheroni, che ha dedicato il bel video alla band ”Numa Sosa & The Guachos”. Premio assegnato con la seguente motivazione: “Per la capacità di incontrare il testo e la musica con il passo-uno di un’animazione dichiaratamente artigianale, ma non priva di fascino e ironia. I materiali animati riescono a vivere perché imperfetti e lontani dalle patinature della computer animation permettendo allo spettatore di entrare nel mood del brano del brano “NON VOGLIO TE” dei ” Numa Sosa & The Guachos”.

Per oggi menù ricco tutto dedicato ai paesi baschi: aperitivo basco alle ore 19 presso il Twiggy (ringraziamo Nicola Oldrini per la foto in home page) e poi Focus on Paesi Baschi, sempre al Twiggy, alle ore 21.

- FOTOGALLERY

18 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Al via Cortisonici, il festival con più mordente…

  1. karen berestovoy il 3 dicembre 2013, ore 21:05

Rispondi