Politica

Lega Nord, Fiamme gialle alla ricerca del tesoro

La sede della Lega Nord a Milano

La Guardia di finanza è tornata oggi nella sede della Lega Nord in via Bellerio a Milano per acquisire documenti sul presunto uso improprio di fondi pubblici da parte di alcuni esponenti del partito lumbard.

Lo conferma il Carroccio in una nota – dopo che la notizia era stata anticipata da fonti investigative – precisando che la visita “era stata concordata nell’incontro avuto lo scorso 11 aprile da Roberto Maroni e (il neo tesoriere) Stefano Stefani con i magistristati milanesi”.

Intanto sul caso indaga anche la procura della Corte dei Conti della Lombardia, ipotizzando danni all’erario.

In queste ore, gli inquirenti si starebbero focalizzando sulla ricerca di diamanti per 200mila euro, un acquisto che sarebbe stato fatto  da Belsito con i soldi dei rimborsi elettorali.

Nei giorni scorsi era già emerso che gli investigatori erano alla ricerca di lingotti d’oro per 200mila euro e diamanti per 100mila. Adesso, in base alle indagini, si ritiene che i diamanti acquistati raggiungano in totale il valore di 300mila euro.

16 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi