Milano

Lega Nord, espulsa la Mauro, “graziato” Bossi jr.

La sede del Carroccio a Milano

Una lunga e tormentata riunione, durata diverse ore, quella del Consiglio federale del Carroccio che si è svolto in via Bellerio a Milano. A quanto si è appreso il parlamentino lumbard ha espulso all’unanimità Rosy Mauro. Una decisione sofferta, assolutamente non scontata, ma a cui si è giunti perchè Roberto Maroni sarebbe intervenuto ponendo i consiglieri di fronte alla scelta: o fuori Maroni che si sarebbe dimesso, o espulsione della vicepresidente del Senato. A questo punto si sarebbe votata l’espulsione della Mauro. Al Consiglio si è presentata, imprevista, la stessa Mauro, che avrebbe pronunciato una vibrante autodifesa, rigettando le accuse e dichiarando la sua estranietà ai fatti contestati. Comunque la pasionaria leghista non avrebbe alcuna intenzione di lasciare lo scranno del Senato. Il Consiglio federale in via Bellerio ha deciso anche l’espulsione dal partito dell’ex tesoriere Francesco Belsito.

Al contrario di quanto girava nelle ore precedenti, ma come molti hanno previsto, al momento Renzo Bossi, dimessosi dal Consiglio regionale, non è stato espulso: il suo caso è stato rinviato. Probabilmente un occhio di riguardo nei confronti del figlio del fondatore del Carroccio, come si poteva immaginare.

Durante il Consiglio federale, a quanto si apprende, è stata indicata anche la data del Congresso federale della Lega Nord che si terrà il 29 e il 30 giugno prossimo.

12 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi