Politica

Rosy Mauro: “non mi dimetto”. E gela i leghisti

Rosy Mauro

Mentre si stanno dirigendo verso la Fiera di Bergamo le truppe leghiste che parteciperanno alla serata dell’orgoglio padano, con il vertice leghista che si affretta a confermare la presenza del Senatur, che però interverrebbe dopo l’ex ministro Maroni, Rosy Mauro non ci sta e dichiara di non avere alcuna intenzione di rassegnare le dimissioni.

Rosy Mauro, ancora vicepresidente del Senato, ha partecipato alla registrazione della trasmissione televisiva di Vespa: “Non ho nulla da nascondere e non vedo perché dovrei dimettermi”. La pasionaria leghista ha poi aggiunto a “Porta a porta”: ”Vorrei dire come stanno le cose, deve emergere verità e poi vedremo…».

Non pensa di fare un passo indietro, la Mauro: ”In questi giorni ho subito un processo mediatico senza precedenti. Ho diritto di difendermi, lo farò anche in Aula e farò un intervento in Aula”. E poi aggiunge: ”A Rosy Mauro la Lega non ha mai dato un euro. Ma c’è la donazione del partito al sindacato padano, tracciabile dai bonifici. Ci sono estratti conto con la mia firma. Il partito era informato, anche Bossi, delle donazioni al sindacato. Non c’era niente di illegale”.

10 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi